I viaggi religiosi non riguardano solo i percorsi di fede ma anche il desiderio di apprezzare le bellezze artistiche e la storia di chiese, santuari, eremi e luoghi sacri legati al culto di santi e dei. Sempre più persone scelgono di viaggiare alla scoperta dei luoghi di culto, chi spinto dalla devozione, chi dalla curiosità e chi dall’interesse artistico e culturale dei vari siti.

Vediamo ora 10 tra i viaggi religiosi ed i luoghi di culto più emozionanti dedicati alle 5 religioni monoteiste.

Cristianesimo

Lourdes

La basilica di Nostra Signora del Rosario di Lourdes
La basilica di Nostra Signora del Rosario di Lourdes

Questo comune francese, situato nella regione del Midi-Pirenei, nel 1858 è diventato uno dei più importanti luoghi di culto del cristianesimo, a seguito delle apparizioni mariane della contadina Bernadette Soubirous. Intorno alla grotta delle apparizioni è stato costruito un imponente santuario che accoglie ogni anno circa 6 milioni di visitatori, i quali intraprendono un’esperienza di grande spiritualità attraverso la preghiera, l’aiuto ai malati e la purificazione, immergendosi nelle piscine miracolose riempite con l’acqua della sorgente della grotta. Le basiliche che compongono il santuario sono tre: la basilica dell’Immacolata Concezione, la basilica di Nostra Signora del Rosario e la basilica di San Pio X.

Fatima

Il Santuario della Madonna di Fatima
Il Santuario della Madonna di Fatima

Fatima è una località portoghese famosa per il Santuario della Madonna legato alle apparizioni della Vergine nel 1917 a tre pastorelli. Il 12°e il 13° giorno di ogni mese il santuario si riempie di fedeli. Nel piazzale si svolgono le processioni notturne, le messe e le benedizioni. Una forte emozione attraversa i visitatori nel vedere alcuni fedeli che in segno di devozione attraversano in ginocchio il piazzale e salgono la scalinata che porta all’ingresso della basilica.

Islamismo

La Mecca

La Mecca è la città santa dell’Islam, si trova al centro di sette colli in Arabia Saudita, ed è sede della Ka ‘ba, il luogo dove è nato il profeta Maometto. Trattasi di un edificio a forma di cubo posto nel cortile della Grande Moschea. Si ritiene che la Ka ‘ba sia stata costruita da Abramo e da suo figlio Ismaele e rappresenti una copia della casa di Dio. Il rito principale svolto dai fedeli è quello del tawaf (circumambulazione), girare attorno alla Ka ‘ba per sette volte e ad ogni giro fermarsi a baciare la Pietra nera, la roccia che secondo la tradizione l’arcangelo Gabriele portò sulla terra dal paradiso terrestre.

Medina

L'affollattissima Medina
L’affollattissima Medina

Medina, in Arabia Saudita, è la seconda città santa dell’Islam ed è nota come luogo di sepoltura del profeta. Qui c’è la Moschea del Profeta, secondo la tradizione sotto la cupola centrale si trovava la casa del Profeta, nella quale fu sepolto. La moschea contiene inoltre le tomba di Fatima, figlia di Maometto, e di Umar I il secondo califfo ortodosso dell’impero musulmano.

Ebraismo

Gerusalemme

Le preghiere incastrate nelle fessure del Muro del Pianto di Gerusalemme
Le preghiere incastrate nelle fessure del Muro del Pianto di Gerusalemme

Questo è il luogo di culto per eccellenza di ebrei, cristiani e musulmani, non a caso è detta Terra Santa. Per gli ebrei in particolare è la Terra Promessa dove Dio, attraverso Mosè, ha guidato il suo popolo. Qui si trova Il Muro del Pianto, il sito più sacro dell’ebraismo dove ogni giorno milioni di fedeli si riuniscono in preghiera. Un’esperienza affascinante e di forte impatto è vedere i rabbini in preghiera che, avvicinando la testa al muro, depositano tra le fessure una preghiera e baciano la pietra. Il muro cinge il monte su cui sorge la Cupola della Roccia, luogo che ricorda agli ebrei il Sacrificio di Isacco.

Djerba

La più antica Sinagoga africana, El o La Ghriba di Djerba, in Tunisia
La più antica Sinagoga africana, El o La Ghriba di Djerba, in Tunisia

Nell’isola tunisina di Djerba si trova la Sinagoga El Ghriba, la più antica di tutto il continente africano. Ogni anno in occasione della fine della Pasqua ebraica la città si riempie di pellegrini. L’importanza della sinagoga la si deve soprattutto per la presenza al suo interno di una copia antichissima della Torah. Si dice che la Sinagoga, risalente al 566 a.C., venne costruita utilizzando alcune pietre del tempio di Gerusalemme, edificato da re Salomone. Accanto alla sinagoga c’è un vecchio caravanserraglio che oltre ad essere un centro di aggregazione per i pellegrini ospita i rabbini.

Indusimo

Varanasi

Credenti Induisti che si immergono nel Gange
Credenti Induisti che si immergono nel Gange

Conosciuta anche come Benares, situata sulla riva sinistra del fiume sacro Gange, è la più antica città dell’India. Il fascino di questo luogo, che attira milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo, è dato dalla vista degli induisti che si immergono nelle acque sacre del fiume pregando e cantando per ripulire l’anima, secondo le credenze, da tutti i peccati commessi. Tra i luoghi di culto troviamo: il Tempio di Vishwanath o Tempio d’oro (poiché una lamina dorata riveste la cupola) dedicato al Dio Shiva, il Tempio di Durga costruito nel 18° secolo e il Tempio di Bharat Mata dedicato alla Madre India.

Himalaya

Il linga, secondo le credenze rappresenta il fallo di Shiva
Il linga, secondo le credenze rappresenta il fallo di Shiva

Sull’Himalaya occidentale, tra luglio e agosto, ogni anno gli induisti si avventurano in una faticosa salita verso la Grotta di Amarnath situata a circa 4000 metri di altitudine. Secondo la leggenda in questa grotta Shiva, una delle tre principali divinità induiste, avrebbe rivelato alla moglie Parvati il segreto della creazione. Il percorso è molto apprezzato dagli appassionati di trekking che insieme ai fedeli percorrono i 45 km di salita. Arrivati in cima alla grotta gli induisti pregano rivolgendosi ad una stalagmite di ghiaccio, formatasi all’interno della caverna ed alta 40 metri. Questo blocco di ghiaccio è considerato il linga (fallo sacro) di Shiva e simboleggia la potenza e la fertilità.

Buddhismo

Ellora

Le Grotte di Ellora, un luogo di culto unico nel suo genere
Le Grotte di Ellora, un luogo di culto unico nel suo genere

Ellora è fin da tempi antichi centro di pellegrinaggio di tre religioni: buddhismo, brahmanesimo e giainismo. Qui, infatti, si trova un complesso di 34 grotte scavate nella roccia e adibite a templi. Le grotte dedicate al buddhismo sono quelle numerate da1 a 12. La grotta più nota è la numero 10, conosciuta con il nome di “Grotta del Carpentiere”, al suo interno c’è una statua di un Buddha seduto in posizione di preghiera alta oltre 4 metri.

Lumbini (foto copertina)

Sito religioso che si trova nel Nepal meridionale, nel distretto di Rupandehi. È qui che nel 624 a.C. nacque Siddharta, il Buddha. Per questo motivo è diventato meta di molti viaggi religiosi dedicati al culto buddhista. Tra i luoghi di culto troviamo: il tempio dedicato alla Regina Maya e un sacro albero della Bodhi (illuminazione) sotto il quale Siddhartha giunse all’illuminazione. Dal 1997 è diventato secondo l’UNESCO patrimonio dell’umanità per essere un “luogo unico e una testimonianza di una tradizione culturale e di un’architettura straordinaria”.

 

I viaggi religiosi sono un modo alternativo ed unico per andare alla scoperta dei luoghi di culto e della fede, lasciano una traccia indelebile nell’anima di chi li intraprende e spesso sono l’inizio di un percorso crescita e consapevolezza spirituale.

Photo Credit:

Foto copertina: Jean-François Gornet – Moines assis – licensed CC BY-SA 2.0

Foto 1: Christine und Hagen Graf – Lourdes – licensed CC BY 2.0

Foto 2: Darth Vanda – @ fátima – licensed CC BY-ND 2.0

Foto 4: Maurizio Pesce – isolamento – licensed CC BY 2.0

Foto 5: Citizen59 – Synagogue La Ghriba de Djerba – licensed CC BY-SA 2.0

Foto 6: Juan Antonio F. Segal – Varanasi, India – licensed CC BY 2.0

Foto 8: Shriram Rajagopalan – Ellora-Caves-36 – licensed CC BY 2.0