La Florida è conosciuta per essere uno degli stati dell’America più tollerante verso la comunità gay, Palm Beach in particolare è una delle 37 contee dove le leggi locali vietano la discriminazione verso la popolazione LGBT sul posto di lavoro, in casa, in ristoranti, in alberghi ed in tutte le strutture pubbliche. Qui infatti nessun può essere licenziato o gli può essere rifiutato l’ingresso in un locale pubblico solo per il suo orientamento sessuale.

Tutto questo è cominciato nel lontano 1988, in quell’anno la comunità gay di Palm Beach ha svolto un ruolo importante nella politica locale costituendo il “Consiglio dei diritti umani” e due anni più tardi creando un’ordinanza per la protezione della comunità LGBT residente.

Il successo gay

Con il passare del tempo la contea con assoluta naturalezza è diventata molto più che gay friendly, infatti ad oggi moltissimi professionisti e la gran parte delle attività commerciali di maggior successo è gestita da omosessuali. Tutti sono i benvenuti non importa quale ristorante, quale albergo o quale spiaggia si frequenti.

Moltissime sono le manifestazioni che si svolgono in città ed attirano un gran numero di turisti, uno degli eventi gay di Palm Beach degno di nota è il “Pride Fest” organizzato dalla Compass (centro della comunità LGBT), che attira ogni anno circa 12.000 partecipanti in due giorni. La città è inoltre sede del “Gay Polo League” , il torneo di polo che riunisce nella stagione primaverile appassionati e giocatori provenienti da ogni parte del mondo.

Palm Beach - Florida 2
L’incantevole panorama di Palm Beach.

Proprio per aiutare ad aumentare l’afflusso di turisti gay si è recentemente formato un sottocomitato per il turismo LGBT, che attraverso una strategia di marketing, promossa dall’organizzazione turistica ufficiale, vuole far diventare la città la destinazione ideale per le vacanze. Questo sottocomitato comprende oltre 140 aziende leader del settore turistico che si identificano all’interno della comunità. Il loro obiettivo è far sentire ogni ospite, indipendentemente dallo stile di vita o dalla razza, sempre apprezzato e rispettato.  L’organizzazione ha inoltre aumentato del 25 % il budget dedicato alla promozione, investendo tutto l’anno in campagne pubblicitarie dedicate al turismo gay di Palm Beach. Una scelta vincente, in quanto secondo un recente studio la comunità LGBT porta all’industria turistica del paese più di 830 milioni di dollari all’anno.

È giusto che chiunque, nella scelta del luogo dove trascorrere le proprie vacanze, non cerchi solo il divertimento, la cultura e l’arte ma voglia anche essere sicuro di non essere vittima di molestie e crimini. Per i gay Palm Beach è dunque la destinazione ideale, una città dove si respira tolleranza, serenità e comunione senza rinunciare ad un pizzico di trasgressione!