Staccare la spina in vacanza, rilassarsi, divertirsi in un ambiente in cui sentirsi a proprio agio, lontano dalle discriminazioni. Ed è in questa ottica che Oslo si pone in prima linea tra le destinazioni LGBT.

In primo luogo, c’è da dire che la cultura e lo statuto presenti rivelano già come la Norvegia mostri una mentalità aperta: ad Oslo il matrimonio gay è riconosciuto e legale, così può diventare anche una piacevole meta per viaggi di nozze o, perché no destinazioni wedding.

Una città gay friendly che offre, oltre che a splendidi panorami e scorci – come non visitare i suggestivi fiordi norvegesi? – anche molte attività culturali e divertimenti. In particolare, una vita notturna molto ricca renderà il viaggio ad Oslo intenso e pieno di esperienze!

Tantissimi i locali noti del luogo e non vi è una netta separazione tra vita notturna etero e gay; ovviamente per chi andasse in cerca di nuovi incontri, il centro della città offre moltissime possibilità. Tra i bar esclusivamente gay il London –  uno dei più famosi locali sin dagli anni settanta –  e  il disco bar Elsker che il fine settimana ospita i DJ più noti della zona, mentre il So, nominato locale gay dell’anno, ha una clientela prevalentemente lesbica, ma è comunque molto gradito da tutti i turisti LGBT.

Anche la vita culturale di Oslo ha molto da offrire: un calendario ricco di eventi specificamente gay scandisce molte delle attività organizzate. Il più noto tra tutti sicuramente il Gay Pride (organizzato generalmente a giugno), la grande manifestazione culturale atta a diffondere la cultura gay e promuovere la parità di diritti, offrendo una serie di eventi ad essa connessi. Un vero e proprio festival fatto di musica, concerti e sfilate, ma anche cinema, dibattiti politici e mostre d’arte, venendo incontro a tutti i tipi di gusti e a tutti i tipi di cultura.

Una destinazione ideale per chi decide di vivere a pieno ogni momento della propria vacanza, senza fermarsi un attimo, sia di giorno che di notte!