Tra le metropoli statunitensi Chicago si trova al terzo posto per densità demografica, dopo New York e Los Angeles, oltre a essere la città più grande dell’Illinois.

Soprannominata Windy City a causa della notevole influenza che i venti hanno sul suo clima tutto l’anno, Chicago incarna al meglio lo spirito e il ritmo di vita frenetico degli USA. Se la vostra permanenza durerà solo 48 ore non vi resta che organizzarla nel miglior modo possibile.


Primo giorno.

Mattina. Vi consigliamo di iniziare il vostro tour dal cosiddetto Loop (Laccio), ossia il centro di Chicago, dove potrete spostarvi facilmente con la metropolitana elevata. Rimarrete attoniti dinanzi agli edifici del Loop dalle dimensioni a dir poco impressionanti. Il Manhattan Building, ad esempio, è un grattacielo di ben 16 piani costruito tra il 1889 e il 1891 e dotato di finestre ad arco che garantiscono una maggiore luminosità agli spazi interni del palazzo. Un altro splendido esempio di architettura contemporanea è il First National Bank Building, alto 259 metri e completato nel 1969. È l’edificio più alto del Loop. Il vostro sguardo si soffermerà senz’altro sui 443 metri d’altezza del Willis Tower, chiamato anche Sear Tower. Iniziato a nel 1970 e terminato tre anni dopo, il Sear Tower è stato risultato l’edificio più alto del mondo dal 1973 al 1998.

Dopo la stancante ma ricca passeggiata nella zona più trafficata di Chicago di sicuro vi sarà venuta fame. Bene, allora non perdete l’occasione di recarvi in uno dei molti ristoranti del posto, come l’Harry Caray’s Restaurant, dove verrete deliziati con prodotti di primissima qualità.

Pomeriggio. Un’idea per il vostro primo pomeriggio a Chicago potrebbe essere quella di visitare la South Mitchingan Avenue, la storica strada della metropoli che si estende tra Lake Shore Drive (estremità settentrionale) e Sibley Boulevard (estremità meridionale). Servendovi della linea di autobus CTA avrete il privilegio di recarvi al Grent Park, un parco di dimensioni considerevoli costituito da giardini e opere di vario genere. Al suo interno si trovano attrazioni di grande rilievo artistico, come la Buckingham Fountain, enorme fontana in stile rococò, e l’Art Institute, museo che conserva capolavori d’arte impressionista e post – impressionista.

Sera. Un’ultima tappa prima di cena potrebbe essere presso la Deley Plaza, che prende il nome dal sindaco Richard J. Daley e che costituisce il primo centro civico di Chicago. Questa piazza di sera è ancora più affascinante in quanto è messa in risalto dalle luci dei palazzi limitrofi.

Prima di tornare in albergo avrete bisogno di una pasto rigenerante in uno dei ristoranti tipici. Vi suggeriamo di fermarvi al Beef & Brandy, dove vengono proposti solo piatti a base di cibi freschi: dalla carne ai ferri al pesce grigliato, ecc.


Secondo giorno.

Mattina. Dedicate la mattinata del secondo giorno alla visita di alcuni tra i più famosi musei di Chicago. Tra tutti si ricordano il Field Museum of Natural History, con i suoi numerosi esemplari; l’Adler Planetarium and Astronomy Museum, con le sue spettacolari esposizioni e il Museum of Contemporary Art, con le sue opere di un’imperscrutabile contemporaneità.

A pranzo fate una sosta all’Hot Chocolate, dove vi saranno proposti menù a base di carne, pesce e insalate.

Pomeriggio. Non può mancare una visita ad alcuni dei principali parchi della metropoli statunitense: il Vietnam Veterans Memorial, dove l’esperienza bellica assume suggestive sembianze artistiche o il Lincoln Park, che ospita innumerevoli specie animali. A pochi passi dal Lincoln Park si snoda la Old Town, assolutamente da non perdere. Antico quartiere di Chicago e suo “centro storico”, lungo la Old Town sono presenti diversi negozietti caratteristici e panetterie che vendono dolci e specialità gustosissime: focacce, pasta fatta in casa e pane appena sfornato.

Sera. Per il vostro pasto serale non avete che da scegliere tra ristoranti, pubs e trattorie che mettono a disposizione del cliente piatti appartenenti alle principali culture enogastronomiche esistenti al mondo. La maniera ideale per chiudere serenamente la vostra breve ma intensa vacanza a Chicago è senz’altro quella di fermarsi in un pub, dove la vostra cena sarà allietata da tanta musica jazz, rock e funky. Da provare è il Public House.

48 ore a Chicago: un’esperienza appagante in tutti i sensi..