I tragici eventi e le persecuzioni della seconda guerra mondiale sono un lontano ma sempre vivo ricordo nella ormai Berlino gay friendly. Il memoriale agli omosessuali a Tiergarten mostra ciò che non deve più accadere e l’apertura alla libertà sessuale è il modo migliore per onorare tutte le vittime della cattiveria umana. Berlino oggi è una città che abbraccia e accoglie tutti senza differenza alcuna. Se vi recate nella capitale tedesca vi sarà semplice trovare un locale gay, addirittura ci sono interi quartieri come Schoneberg, Kreuzberg e Prenzlauer Berg, e secondo il sito ufficiale del turismo tedesco si può scegliere tra quasi 150 bar gay, librerie, farmacie,corsi di lingua, servizi di consulenza e associazioni e tante altre risorse utili ai cittadini ed ai visitatori

Berlino gay
Bandiera arcobaleno del movimento gay.

Ma procediamo con ordine, per chi volesse tornarci o recarsi per la prima volta nella Berlino gay, un elenco dei migliori locali in voga, prendete nota:

Berghain – Am Wriezener Bahnhof 10243 Berlino

Cerchi una serata particolare? Il miglior locale gay in cui puoi trovarla è sicuramente questo. Non è un locale qualsiasi, ma la più famosa discoteca di Berlino. La trovi tra il quartiere di Kreuzberg e Friedrichshain, ed è ormai in voga da 10 anni, e a farla da padrone è la musica Techno. Il locale è ospitato in un ex centrale elettrica, capace di accogliere quasi 1500 persone, la gestione tende a lasciare libera la clientela anche per appartarsi nelle piccole stanze che ruotano intorno alla sala principale, libertà negli orari d’apertura molto lunghi e libertà nel bere, i cocktail infatti hanno un costo abordabilissimo.

C’è da dire che i turisti non sono proprio ben voluti a meno che non abbiano un amore smisurato per la musica Techno, e per la serata molto esclusiva del Sabato è consigliato avviarsi molto prima al locale e attendere l’apertura che avviene alle 24, previste anche 3 ore di fila e se non siete simpatici al buttafuori non si entra, consiglio di armarvi del vostro sorriso migliore!

Schwuz – Rollbergstr. 26, 12053 Berlin

Berlino gay 3
Schwuz, il club alternativo per tutti i gusti.

Abbreviazione di Schuwlen Zentrun (Centro omosessuali) vede la sua nascita nel 1977 e si presenta sin da subito come un club molto alternativo, il motto era “ Raus aus den Klappen, rein in die Straße” Fuori dalla porta e in mezzo alla strada. Oggi il locale ha una superfice di 1.600 mq e può ospitare fino a 1200 persone, 3 camere: Cattedrale, Bunker e Salon, 3 serate: Giovedi, Venerdi e Sabato, con musica che spazia dal Pop, all’ Hindy all R&B e all’ Hip Hop. Inoltre è possibile partecipare a concerti, letture, proiezioni di film e tavole rotonde. Ogni tre mesi poi, tributo a Madonna con la serata MADONNAMANIA dove è possibile ballare e scatenarsi sui remix della popolare artista. Insomma ce n’è per tutti i gusti.

Ficken 3000 – F.Muller – Urbanstrabe 70-10967 Berlino

Serate a tema, in questo particolarissimo locale, musica per tutti gusti e per gli amanti delle avventure “sleazy”, al piano interrato una dark room vi aspetta per incontri disinibiti, sempre raccomandato l’uso del preservativo.

114 – Boxhegener Strd D-10245 Berlino

Altra istituzione della Berlino gay è questo noto bar, fondato nel 2005 è molto apprezzato dai nottambuli. Ottimi drink, giochi e divertimento e la promessa che non resterai solo a lungo. Non esiste codice di abbigliamento ed è sempre Free entry. Un ottimo locale gay anche solo per un aperitivo pre-discoteca.

Berlino gay 4
Il famoso bar Grosse Freiheit 114 situato a Berlino.

Questi sono tra i più noti locali gay di Berlino, ma come già sottolineato prima, ci sono interi quartieri gay friendly scopriamoli insieme:

Schoneberg

Tranquillo e famoso allo stesso tempo, Schoneberg è il quartiere che ha dato i natali all’attrice Marlene Dietrich, dove ha vissuto il famoso scrittore Christopher Isherwood, autore delle basi del famoso musical “Cabaret”e dove J.F. Kennedy pronunciò la famosa frase “Ich bin ein Berliner”. E dove,ovviamente, si trovano tantissimi locali e night club per gay. La particolarità del quartiere si trova in Piazza J.F.K. dove dalla Torre del vecchio palazzo municipale di Berlin Est, la Campana della Libertà, ogni giorno alle 12 suona un motivetto americano che richiama il discorso fatto dal Presidente più amato. Il centro vivo del quartiere poi, Nollendorfplaz, è il Metropol oggi una bellissima discoteca che ha sostituito uno dei più importanti teatri della città.

Al più famoso quartiere Schoneberg si contrappone il quartiere operaio di Kreuzeberg:

il più piccolo ma anche il più popolato e multiculturale. Oggi abitato da immigrati per lo più turchi, studenti e artisti, gode per questo motivo di un’ecclettica vivacità, ad ogni stradina ci si può imbattere in gallerie d’arte,locali alternativi, Knepen e mercanti. Da non perdere la favolosa vista dal Viktoriapark, la passeggiata lungo la Bergmannstrasse ed una sosta al mercato turco che si svolge il mercoledi ed il venerdi dalle 12 alle 18 e 30 lungo il Landwehrkanal.

Per chi avesse poi bisogno di informazioni su eventi e quant’altro della Berlino gay, può recarsi al:

Mann -O-Mater – 106 di Bulowstrasse Berlino

Un centro di comunicazione per gay e bisex nato nel lontano 1986. Qui è possibile ricevere volantini, depliant e notizie sugli eventi in città. L’associazione da sempre porta avanti la lotta all’omofobia e mette a disposizione di tutti Test gratuiti dell’ HIV, un consultorio e la possibilità di trovare alloggio ai turisti gay che visitano la capitale. Al suo interno un caffè molto carino e frequentato. Il centro è aperto tutti i giorni dalle 17 alle 22, il sabato e la domenica dalle 16:00.

Insomma la Berlino austera che ricordiamo sta definitivamente lasciando il posto ad una Berlino gay friendly e tollerante verso ogni forma di libertà, mettendo in pratica il pensiero del “berlinese” J. F. Kennedy: “Se non siamo in grado di porre fine alle differenze, alla fine non possiamo aiutare a rendere il mondo sicuro di tollerare le diversità”.

Photo credit:

Foto copertina: by Oh-Berlin.comRegebbogenfarben in Schöneberg – CC BY 2.0