Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Viaggio in Iran: sanzioni revocate

Con la fine delle sanzioni, si può guardare al Paese come ad un polo di attrazione turistica. Viaggio in Iran, ecco alcuni consigli per visitarlo al meglio

Viaggio in Iran: sanzioni revocate

Dallo scorso 17 gennaio sono terminate le sanzioni economiche sull'Iran, che saranno gradualmente eliminate. Cosa significa in soldoni? Che il Paese diventa appetibile per le potenze economiche Occidentali come partner commerciale, rendendo possibili investimenti nell'ambito delle infrastrutture o nel più classico petrolio. 


Costruita nel 1971, la Torre Azadi non è solo l'ingresso, ma un simbolo di TeheranLa sanzioni in Iran risalgono almeno agli anni settanta del secolo scorso e coincidono con la rivoluzione khomeinista. Si sono acuite con le violazioni dei diritti umani e le sperimentazioni sulle tecnologie nucleari.
La loro fine coincide, di fatto, con la possibilità per l'lran di diventare un vero e proprio polo di attrazione turistica. Se i più conoscono il Paese per il celebre fumetto di Marjane Satrapi, Persepolis, a cui ha fatto seguito il film omonimo, le bellezze da scoprire in realtà sono molte. 

Cosa vedere in Iran quindi? Sicuramente Persepoli, città fondata da Dario e Serse, poi distrutta da Alessandro Magno e diventata nel 1979 Patrimonio dell'Unesco. Per non dimenticare Isfahan, piena di giardini e maestose architetture. Nella città, che è considerata la principale meta turistica del Paese, si potranno ammirare la grandissima piazza di Naqsh-e Jahhan, con le sue moschee e i bazar, il palazzo Cheel Sotun e i ponti, particolarmente vivi di notte grazie alla presenza di giovani che suonano e chiacchierano sotto le suggestive arcate.

Di certo nei prossimi articoli conosceremo più da vicino le bellezze di questo Paese, oggi invece, vogliamo capire come prepararci al meglio per un viaggio in Iran.


>> TI ATTIRA L'IDEA DI UN VIAGGIO IN IRAN? SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE <<

 

VISTO IRAN

Chiunque voglia visitare il Paese, spronato anche dal fatto che le sanzioni in Iran verranno gradualmente revocate, deve tenere presente che è necessario munirsi di visto. Come ottenerlo? Ad esempio, si può decidere di richiedere il visto per l'Iran direttamente in aeroporto a Teheran o a Esfahan, Shiraz, Mashad una volta atterrati, tenendo presente però, che qualora venga concesso, sarà valido per 15 giorni consecutivi. Se si vuole restare più a lungo, bisogna richiederne una proroga (ne sono previste al massimo 3) o rinnovarlo. Questa soluzione non è consigliabile per chi ha intenzione di soggiornare in Iran più a lungo, dunque. Per ottenere il visto, ci si può rivolgere anche ad un'agenzia iraniana che se ne occupi, ma probabilmente è più pratico rivolgersi al Consolato dell'Iran in Italia (a Milano o a Roma). Il rilascio è subordinato alla presentazione di alcuni documenti:

- due fototessere;

- passaporto in regola che abbia almeno 6 mesi di validità, due pagine libere consecutive e senza timbri di Israele;

- assicurazione sanitaria;

- i moduli per la richiesta di soggiorno debitamente compilati;

- una prenotazione che presenti la lettera di conferma da parte di un albergo iraniano.

Viaggio in Iran: alcuni reperti storici dell'antica Persepoli 

VIAGGIARE SICURI IRAN

Che intraprendere un viaggio in Iran possa risultare pericoloso è un pensiero legittimo, ma un viaggiatore accorto e preparato non avrà alcun problema nello spostarsi. Il primo consiglio che diamo è l'evitare di avvicinarsi ad assembramenti, soprattutto se si tratta di processioni religiose. Detto ciò, il Paese ha un bassissimo tasso di criminalità. Sono probabilmente gli incidenti stradali, molto frequenti, la vera minaccia alla sicurezza per i turisti. Ma tenendo presente queste indicazioni, sarà facile viaggiare sicuri in Iran

 

IRAN DONNE 

Affrontiamo ora l'argomento Iran e le donne, ovvero cerchiamo di capire come adeguarsi alle norme di comportamento islamiche, soprattutto in relazione all'abbigliamento.  
Infatti le donne, e quindi anche le turiste straniere, sono tenute a coprire completamente il corpo, nascondendo le proprie forme: sì a pantaloni, abiti e gonne lunghe. Anche braccia e decoltè non devono essere lasciati scoperti. Va detto, poi, che i controlli sull' abbigliamento si fanno più severi nei periodi di lutto religioso o nel Ramadan. In Iran non è obbligatorio indossare lo chador - da non confondere con il burqa - è una sorta di lenzuolo, colorato ma più spesso nero, nel quale le donne si avvolgono dalla testa ai piedi. Alle donne che visitano il Paese verrà chiesto di indossarlo in luoghi religiosi come i mausolei. Obbligatorio invece per tutte le donne, iraniane e non, il velo che va indossato in modo da coprire testa e collo lasciando libero il viso. Contravvenire a queste regole può comportare anche l'arresto.


MONETA IRAN 

Fondamentale per un viaggio in Iran e ovviamente in qualsiasi altro Paese extra-europeo, è conoscere l'unità monetaria ufficiale. La moneta corrente in Iran è il Rial, ma non stupitevi se spesso vi verrà chiesto di pagare in Toman: si tratta della vecchia moneta iraniana ed equivale a 10 Rials. Ricordatevi anche di portare con voi denaro contante sufficiente per tutta la durata del viaggio. In Iran, infatti, i bancomat non sono abilitati per il prelievo di denaro cash sui circuiti internazionali con le carte di credito e debito straniere. Ovviamente, le valute estere più accettate per il cambio in Rials sono il Dollaro USA e l'Euro. Di seguito un link utile per effettuare il cambio Euro-Rial: http://www.cambioeuro.it/rial-iraniano/

 

FUSO ORARIO IRAN

Prima di raggiungere il Paese, è sicuramente utile conoscere il fuso orario in Iran. L'Italia risulta essere due ore e trenta minuti indietro rispetto all'ora vigente nel Paese. L'ora legale qui, scatta il 22 marzo e termina il 22 settembre. 

 

CLIMA IRAN 

Per decidere quando visitare il Paese è bene considerare i diversi tipi di clima presenti in Iran, data la sua vastità. Primavera e Autunno sono probabilmente le stagioni migliori per andare in Iran grazie alle temperature miti. Di contro l'estate, estremamente calda, non è particolarmente adatta se si ha interesse a visitare i deserti, l'inverno molto freddo e rigido non è indicato per addentrarsi nelle regioni del Nord. Chiunque sia desideroso di esplorare le zone costiere del Mar Caspio avrà a che fare con un clima caldo e umido, mentre chi si recherà nella regione del Golfo Persico troverà un clima sempre più caldo rispetto all'Iran centrale. Vi consigliamo quindi di recarvi nel Paese da metà aprile ai primi di giugno o da fine settembre ai primi di novembre, proprio tenendo conto del clima in Iran. 

Alcune montagne del deserto Giallo in Iran

Finite le sanzioni per l'Iran, possiamo guardare al Paese come ad un luogo ricco di storia, cultura e risorse che può finalmente essere riscoperto. E non bisogna avere alcuna paura a visitare questa terra anche perché, come affermava la nonna di Marjane in Pesepolis: "É la paura che ci fa perdere la nostra coscienza. É lei che ci trasforma in vigliacchi."

Viaggio in Iran: sanzioni revocate Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
Viaggio in Iran: sanzioni revocate
apri
Offerte di viaggio