Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Viaggio in Cornovaglia: on the road fino a Land's End

Un viaggio in Cornovaglia, on the road nel territorio più ad occidente della Gran Bretagna. Cosa vedere in Cornovaglia? Seguiteci!

Viaggio in Cornovaglia: on the road fino a Land's End

Oltre la Manica, nel sud ovest della Gran Bretagna si estende una delle sei terre celtiche: ed è per scoprire questo territorio misterioso e ricco di leggende che oggi vi portiamo on the road in un viaggio in Cornovaglia.

Una lingua di terra selvaggia, battuta dai venti e dalla pioggia. Tuttavia, circondata per due terzi dal mare, la Cornovaglia ha un clima piuttosto mite. La contea, infatti, è famosa per le spiagge, meta delle vacanze estive degli inglesi, e per le affascinanti scogliere, le High Cliff, a picco sul mare.

Ma cosa vedere in Cornovaglia? Ve lo spieghiamo in una serie di tappe che costituiscono le mete tradizionali dei globetrotters. Che siate arrivati in aereo o via mare, approdando dinanzi alle bianche scogliere di Dover, il viaggio in Cornovaglia è da percorrere su gomma, tra le sue “discese ardite e risalite”, come cantava Battisti. Ad accompagnarvi sempre il vento, chiassoso compagno di viaggio.

  • Prima tappa: Clovelly. Meraviglioso piccolo borgo di pescatori, appartenente alla provincia del Devon ma considerato il primo punto nella lista di cosa vedere in Cornovaglia; si trova su una scogliera a picco sul mare: preparate i polmoni perché se la discesa fino al mare è ripidissima, la risalita vi toglierà il fiato. Inutile dirlo: niente auto qui!
  • 35 miglia più a sud, Tintagel attira ogni anno migliaia di visitatori. Il motivo? Secondo la leggenda, è qui che visse Re Artù. L'incredibile blu delle acque della costa di Tintagel, in CornovagliaA Tintagel sono legate tutte le leggende riguardanti i cavalieri della Tavola Rotonda che hanno fatto fantasticare ognuno di noi. La costa intorno a è composta da ardesia che fa colorare di verde-turchese il litorale e le acque.
  • Addentrandosi per circa 40 miglia nell'entroterra si raggiunge il Dartmoore National Park: qui domina incontrastata la brughiera, animata solo dalle tantissime mandrie di pony allo stato brado. Magnifico il panorama dalla torre della piccola chiesa che si trova in cima al Brent Tor.
  • Percorrendo poche miglia dal confine meridionale del parco, si raggiunge la costa a Torquay: al n° 529 di Babbacombe road, il Torquay Museum custodisce reperti archeologici della grotta Kent’s Cavern vecchi di 500.000 anni. Ma non c’è viaggio in Cornovaglia che non segua le orme di Agatha Christie, nata proprio qui a Torquay. Salendo dal porto lungo la King’s Drive, si giunge alla torre dove nello Spanish Barn furono rinchiusi 400 prigionieri della famosa Invincibile Armata.
  • A 100 miglia a sud ovest di Torquay si incontra Plymouth, città marinara legata al ricordo di Sir Francis Drake, il principe dei pirati. La città è quasi priva del centro storico perché quasi completamente distrutto dai bombardamenti tedeschi.
  • Proseguendo 50 miglia verso est Newquay dà il benvenuto nella Cornish Riviera, prediletta dai bagnanti inglesi. Da qui si possono inanellare la vicina Watergate, famosa meta di surfisti; St.Ives: dall’inizio del  ‘900, per via della sua bellezza,  è stata meta di artisti tanto da dare il nome ad una scuola artistica appunto definita “di St.Ives”; Penzance, capitale della riviera: qui il clima mite favorisce una vegetazione mediterranea e il relax.
  • Puntando 25 miglia a sud, si raggiunge la Lizard Coast. Da Lizard Point si dipartono diversi sentieri per raggiungere i siti naturalistici di questa penisola: le scogliere di Kynance Cove, gli scenari incontaminati di Mullion Cove e Poldhu Cove.

Lo spettacolare paesaggio della Lizard Coast, fra i più belli della Cornovaglia

Nel villaggio di Gweek, a nord di Lizard, si trova il National Sea Sanctuary, struttura all’avanguardia per il soccorso a foche e leoni marini. Sul versante est, Coverack è stata per secoli covo di pirati che saccheggiavano le navi finite sulla scogliera.

  • Ultime 35 miglia a ovest, finalmente siamo a Land’s End. L’estrema propaggine d’Europa, la meta, il luogo in cui invertire la marcia. Arrivati al capo di Land’s End siamo al termine del nostro viaggio in Cornovaglia. Qui è possibile sostare in una grande area attrezzata (completamente gratuita) da cui ammirare il mare.

L'arrivo a Land's End in Cornovaglia: momenti indimenticabiliImmaginate una schiera di panchine sul bordo dei pendii, stormi di gabbiani che saltellano allegri. Per gli appassionati del cinema italiano: è il luogo dove Carlo Verdone e Margherita Buy seguono le orme di Jimi Hendrix in “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”.

E' dunque Land’s end l’ultima fermata di questo incredibile viaggio. Qui la bussola segna coordinate 50°59.98′N 4°24.05′W: qualcuno se le appunta sulla pelle con una biro, come per tatuarsele, altri ancora le segnano su un sasso a mo’ di monumento per segnare il proprio passaggio. Qualcuno spunta questo luogo dall'elenco di cosa vedere in Cornovaglia, qualcun altro tace, pensando alla prossima meta. Compagni di viaggio che si abbracciano perché “ce l’hanno fatta” e si complimentano con altri equipaggi che arrivano qui senza sosta, tutti i giorni dell’anno. Il viaggio in Cornovaglia si chiude così: da qualche altra parte, c’è un nuovo mare che aspetta.

Viaggio in Cornovaglia: on the road fino a Land's End Valutazione: 4.91 su 5 Basato su 11 voti.
Articolo pubblicato il
Viaggio in Cornovaglia: on the road fino a Land's End
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio