Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Valencia: cosa vedere?

Scopriamo insieme cosa vedere a Valencia, città spagnola in cui convivono magnificamente edifici del passato e complessi futuristici

Valencia: cosa vedere?

Valencia, cosa vedere, ecco la prima domanda che ci si pone quando ci si reca in questa splendida città. Ricca di storia e cultura, fondata dai romani e poi dominata dai visigoti prima e dagli arabi poi, offre davvero tanto ai turisti che vi si recano in visita.

La sua suddivisione in distretti renderà più semplice il vostro itinerario, il centro storico infatti, è ripartito in tre quartieri, il Barrio del Carmen, il centro Historico Nord ed il centro Historico sud. Spostandovi verso il mare invece, troverete i quartieri di L'Eixample, Russafa, la Cittadella delle arti e delle scienze, le spiagge, il porto ed infine la Riserva naturale di Albufera.


>> PARTI CON NOI ALLA SCOPERTA DELLA SPLENDIDA VALENCIA <<


E allora bando alle ciance, scopriamo subito cosa vedere a Valencia.

- Palau de la Generalitat Valenciana - Plaza de Manises, Barrio del Carmen

Il Palau de la Generalitat Valenciana e la sua particolare forma rettangolare
Sede della corte di Filippo V, oggi ospita il governo regionale della Comunità ed è il simbolo dell'indipendenza valenciana. In stile gotico, ha al suo interno un bellissimo cortile in pietra con sculture decorate che ricordano i personaggi dell'Inferno dantesco e due particolarissime scale che permettono l'accesso alle stanze. La più bella è la Salas Doradas, con pavimento e soffitto decorate nel tipico stile Valenciano.


- Catedral de Santa Maria de Valencia - Plaza de la Reina, Centro storico Nord

Porta de los Apostoles della Cattedrale di Valencia
Particolarità di questa stupenda cattedrale, costruita nel 1262, sono i tre stili architettonici delle 3 porte d'ingresso. La Porta de Palau, la più antica, in stile romanico, la Porta de los Hierros, l'entrata principale, in stile Barocco ed infine, la Porta de Los Apostoles, in stile gotico. Al suo interno ha sede, da più di mille anni, il Tribunale delle acque, che ha l'incarico di risolvere i contenziosi tra gli agricoltori sulle questioni relative al sistema di irrigazione. Dal 2009, questo rito, chiamato anche Vega de Valencia, è Patrimonio Immateriale dell'Unesco e si svolge ogni Giovedi alle 12:00 dinanzi alla Porta de los Apostoles. Inoltre, leggenda narra che all'interno della cattedrale vi sia custodito il Santo Graal. Il consiglio è di terminare la visita sul Miguelete, il campanile della cattedrale, da cui godrete di una magnifica vista sul centro storico.


- Basilica de la Virgen de los Desemparados (Vergine degli Abbandonati) Plaza de la Virgen, Barrio Gotico

La gotica Basilica della Vergine degli Abbandonatiphoto credit: Felipe Araya Allende, Basílica de la Virgen de los Desamparados - licensed CC BY-SA 2.0

Tra le cose da vedere a Valencia segnate questa Basilica. Tra i primi edifici in stile barocco, essa è luogo sacro per i valenciani che adorano la statua della Vergine al suo interno, a cui dedicano numerose celebrazioni. La più importante e cara è la Ofrenda de Flores, un omaggio floreale che serve a comporre il manto della Vergine. Questo rituale caratterizza la nota festa conosciuta come Las Fallas.


- La Lonja - Plaza del Mercado, Centro storico nord

La Lonja, sicuramente tra le cose da vedere a Valencia
Costruito tra il 1482 ed il 1498, questo edificio civile è sede originaria della Borsa della Seta e del commercio cittadino. Dichiarato dall' Unesco Patrimonio dell'Umanità, è il monumento più antico della città. Qui potete ammirare la Sala de la Bolsa, composta da 3 navate con 24 colonne tortili, la Sala de la Contration, dove avvenivano le contrattazioni mercantili e infine, la Sala de la Consultat del mare, in cui la fa da padrone uno stupendo soffitto scolpito in legno e con decorazioni dorate. Se lo visitate la Domenica mattina, avrete la fortuna di trovare un bellissimo mercatino dell'antiquariato.


- Il Mercado Central - Plaza del Mercado, Barrio del Carmen

Il Mercado Central di Valencia, uno dei più bei mercati al chiuso in Europaphoto credit: By Diego Delso, CC BY-SA 3.0

A Valencia  cosa vedere se non il tipico Mercado Central? In realtà, Più che una cosa da vedere, si tratta di un luogo "da vivere". Qui è possibile acquistare ed assaggiare le prelibatezze del luogo. Una struttura d'acciaio con vetrate colorate e ceramiche dipinte a mano sulla facciata, ospita questo coloratissimo mercato. Due zone, una in cui è possibile comprare frutta e verdura delle terre a sud della città, l'altra in cui ci si può deliziare con prosciutti di Salamanca, pesci e cascate di freschissimi crostacei.


- La città della Scienza e delle Arti - Avenida autopista del Saler

Cosa vedere a Valencia? Sicuramente la città della Scienza e delle Arti, simbolo del rinnovamento della città
Per gli appassionati, una cosa da vedere a Valencia è sicuramente questa cittadella. Il complesso nato negli anni '90 comprende 5 strutture ed è opera dell'Architetto valenciano Santiago Calatrava. Sorge nella parte meridionale della città, posizionato lungo il letto del fiume Turia (oggi deviato) ed è il simbolo del passaggio della città alla modernità ed al futuro. Al suo interno abbiamo il Palazzo delle arti Reina Sofia, l'Emispheric (sala cinematografica), l'Umbracle (il giardino esterno), il Museo delle scienze Principe Felipe ed il più grande parco Oceanografico d'Europa. Durante l'anno si assiste a numerosi eventi e numerose sono le caffetterie e i ristoranti all'interno del complesso.



- Torres de Quart e Torres de Serranos - Plaza de los fueros, Barrio del Carmen

Le Torres de Serranos, facevano parte delle vecchie mura di cinta erette a difesa della città
Somiglianti alle Torri di Castel Nuovo di Napoli, queste due torri del XVI sec. appartenevano alle antiche mura della città ed avevano funzione difensiva. Hanno uno stile architettonico tardogotico e 132 gradini che vi portano in cima dove è possibile ammirare la città dall'alto.


- La Riserva di Albufera - El Saler, Valencia

Il lago della Riserva di Albufera, un giro in barca è d'obbligophoto credit: Antonio TajueloAtardecer en la Albufera de Valencia - licensed CC BY 2.0

La Albufera è il lago più grande di Spagna ed è un luogo di grande interesse ecologico. Le sue acque servono da sostentamento ai coltivatori di riso e a i pescatori. Questa zona è una fonte di una squisita tradizione gastronomica infatti, dopo una passeggiata nell'incantevole natura del parco suggeriamo vivamente di gustare qualche piatto tipico valenciano come la Paella, l'arros a banda (risotto con pesce) o l' All i Peble (aglio e pepe), piatto a base di anguille del lago. Ovviamente, non fatevi mancare una piacevole gita in barca.


- Le spiagge - Paseo Marittimo, Valencia

La frequentatissima spiaggia de La Malvarosaphoto credit: JuanedcLa Malvarrosa - licensed CC BY 2.0 

Per gli amanti del mare ci sono le bellissime spiagge urbane di Las Arenas e Malvarosa, una sabbia finissima e dorata che accompagnano verso acque così limpide da essere state premiate dalla Bandiera blu europea. Inoltre, sono presenti aree attrezzate per le persone diversamente abili, aree fitness per gli amanti dello sport ed una variegata offerta di ristoranti e bar aperti (durante la stagione estiva) 24 ore su 24.


- I giardini del Turia - Carrer de Guillem de Castro, Valencia

Suggestiva veduta all'interno del giradino del Turiaphoto credit: Phil WhitehouseArches - licensed CC BY 2.0

A causa della tremenda alluvione del 1957, la Comunità valenciana decise di deviare il corso del fiume Turia fuori città. Nel vecchio letto prosciugato, nel 1987, furono costruiti degli splendidi giardini. Il progetto fu opera dell'architetto catalano Ricardo Bofill che lo concepì come: una composizione che utilizza il potere simbolico di certi ritmi e il riferimento al giardino arabo. Il Parco è composto da 12 sezioni con piste ciclabili, ciclocross, piste di pattinaggio, campi da calcio, rugby e baseball. Per i più piccini c'è il meraviglioso Parc Gulliver, dove li attende una scultura lunga 70 metri piena di scivoli dove i bambini possono arrampicarsi e divertirsi a scivolare lungo le dita, le gambe ed il corpo di Gulliver. Sul percorso tanti bar e ristorantini in cui fare una sosta.


Chiarito a Valencia cosa vedere, ora voglio parlarvi di una delle feste più belle e famose della città.

- Las Fallas - 01- 19 marzo

Valencia si colora di mille luci durante Las Fallas di marzo
Questa meravigliosa festa ha origine a metà del XVIII sec. ma solo nel 1900 fu ufficializzata dal Comune. Il tutto si svolge in onore di San Giuseppe. Si narra, che il 18 marzo all'alba, in alcune strade apparivano pagliacci appesi ai balconi e piccoli palchi su cui veniva esposta la "vergogna pubblica", pupazzi allusivi ad avvenimenti o personaggi mal sopportati. Venivano poi raccolti pezzetti di legno e si preparavano piccoli roghi, appunto i Fallas. La notte prima di San Giuseppe venivano poi bruciati, il palco, i pupazzi ed i pagliacci. Oggi la festa ha inizio il 1 marzo e termina il 19 dello stesso mese, con riti ed eventi pirotecnici e artistici unici nel loro genere.



Ovviamente che le cose da vedere a Valencia sono ancora tante, qui abbiamo cercato di proporvi i luoghi di interesse principali, insomma quelli da non perdere. Non dimenticate di provare assaggiare i piatti tipici nei ristorantini sorti sulle spiagge di Las Arenas e soprattutto di vivere la notte valenciana, tanti i locali e le discoteche presso il rimodernato porto o nel cuore del barrio del Carmen, luogo di incontro di turisti e studenti erasmus. Vi suggerisco di provare assolutamente l' Aqua de Valencia, un cocktail a base di succo d'arancia, vodka assoluta e champagne che vi assicuro, va giù proprio come l'acqua, anche se già al secondo bicchiere vi accorgerete che proprio acqua non è. Bevete responsabilmente ma bevete. Buen Viaje.

Valencia: cosa vedere? Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 2 voti.
Articolo pubblicato il
Autore: Nadia Scafaro
Valencia: cosa vedere?
apri
Offerte di viaggio