Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Vacanze gay in Sri Lanka

Lo Sri Lanka è una meta ambita per il turismo esotico: spiagge, mare trasparente e grande gioia di vivere. Vacanze gay in Sri Lanka sì, ma con riserva

Vacanze gay in Sri Lanka

Negli ultimi anni, il comparto delle vacanze gay sta assumendo un’importanza sempre maggiore con località, città o Paesi che hanno scelto di aprirsi e di accogliere con entusiasmo il turismo gay, molto esigente sotto molti punti di vista, offrendo quindi attrattive e divertimenti ad hoc, senza discriminazioni.

Tra tutti questi Paesi, però, non emerge lo Sri Lanka, nonostante sia una delle mete più apprezzate (anche dagli etero) per la bellezza selvaggia della sua costa e per la carica adrenalinica delle sue città, specialmente Colombo, ex-capitale dello Stato.

I diritti degli omosessuali sono a rischio in Sri Lanka

Lo Sri Lanka non può certamente essere considerato un Paese gay friendly: nel Paese vige ancora una legge emanata nel tardo 1800 con cui si vieta espressamente qualsiasi tipo di rapporto omosessuale maschile. In pratica, le unioni tra uomini possono essere punite per legge con una reclusione fino a 10 anni mentre quelle tra donne non sono legalmente perseguibili ma, non per questo, possono essere considerate ammesse nel Paese anzi, semplicemente la visione maschilista di un Paese così tradizionalista, non ha nemmeno preso in considerazione l’ipotesi. Per la visione occidentale questo rappresenta una lacuna normativo che potrebbe lasciare una porta aperta alle coppie lesbiche in vacanza nel Paese. In ogni caso, sono vietate le effusioni pubblico, gay o etero: quindi, se due donne vogliono unirsi nel privato nella loro camera d’albergo o casa, nessuna legge può intervenire, al contrario nei rapporti maschili, basta una soffiata per incorrere in un processo.

Fatta questa doverosa premessa, prendendo tutte le precauzioni del caso, le vacanze gay in Sri Lanka possono offrire numerosi spunti interessanti. Tra le domande che si pone più spesso chi ha scelto questo Paese per una vacanza, in cima a tutte sicuramente c’è: Sri Lanka, quando andare?

Il periodo migliore è senza dubbio tra novembre e marzo, quando i livelli di umidità sono più bassi e fanno meglio sopportare le temperature elevate di quest’isola, dove il mare mantiene una temperatura costante tra i 28 e i 29 gradi.

Il lussuoso e accogliente Dickman Resort, vero paradiso gayfriendly a Negombo, Sri Lanka

Per non sentire eccessivamente il peso dell’oppressione, molte coppie gay (ma anche single) scelgono un resort esclusivamente dedicato agli uomini, il Dickman Resort (un nome, un programma, si potrebbe dire). Ufficialmente si tratta di un normale resort di lusso, in una delle zone più belle di tutta l’isola, il centro turistico di Negombos, ma la sua caratteristica di non essere accessibile alle donne, lo rende particolarmente appetibile per il turismo gay.

La spiaggia si trova ad appena un minuto a piedi (le 8 camere affacciano sul mare e sulla spiaggia immacolata) e Colombo ad appena 15 minuti di auto: posizione perfetta per godere appieno delle bellezze di quest’isola. Chi sceglie di fare una vacanza gay, trova in questo resort una sorta di oasi in un deserto, dove i movimenti per i diritti LGBT lottano quotidianamente per veder riconosciuta la parità abolendo qualsiasi forma di discriminazione sessuale che, in alcune situazioni, si trasforma in vere e proprie persecuzioni. In ogni caso, nessuno vi vieta di alloggiare con il vostro/vostra partner in uno dei tanti alberghi e villaggi turistici dello Stri Lanka, dovete solo fare molta più attenzione.

L'affascinante porto di Colombo, uno dei centri più movimentati dello Sri Lanka

Una volta arrivati nel Paese, oltre alle meravigliose spiagge, potete fare un giro a Colombo, una città in continua espansione che si sviluppa principalmente nell’area prospiciente il porto. Qui si trova la zona commerciale, quella più ricca, dove potete anche fare acquisti “occidentali” nei numerosi negozi che si aprono sulle vie principali. A pochi passi da quest’area, chiamata Fort, si sviluppa Pettah, il quartiere indigeno, molto caratteristico, perfetto per chi volesse immergersi completamente nella vita di questa città che, se si conta il nucleo urbano completo, conta quasi 2 milioni di abitanti.

Le vacanze gay in Sri Lanka scorrono tranquille se si evitano le effusioni in pubblico. In effetti nonostante questo paese non sia propriamente gayfriendly, resta sempre un bellissimo luogo tutto da scoprire, in cui natura incontaminata, spiagge sconfinate e accoglienti locali e resort offrono una vacanza a 5 stelle!

Vacanze gay in Sri Lanka Valutazione: 4.33 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
Vacanze gay in Sri Lanka
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio