Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Stonehenge: il mistero è servito

Quando la storia incontra la magia: i misteri di Stonehenge che affascinano il mondo

Stonehenge: il mistero è servito
Stonehenge, Amersbury, Inghilterra. Il luogo più misterioso del mondo nel cuore dell'Europa. 

Chi non ha mai sentito parlare di Stonehenge e dei suoi misteri? Probabilmente, nessuno. 
Da millenni si tramandano fantasiosi miti e affascinanti leggende che ammantano ancor più di mistero un luogo già molto suggestivo di per sé.
Si tratta di un complesso circolare formato da una serie di giganteschi blocchi verticali di arenaria grigia, i dolmen, su cui poggia una lastra orizzontale. Il cerchio esterno ne racchiude uno interno, di diametro inferiore.

Stonehenge dall'altoOscure sono le origini del sito megalitico. Lo scrittore medioevale Goffredo di Monmouth sostiene che Mago Merlino, nel 483 A.C., decise di onorare la memoria del fratello gemello Aurelio Ambrogio e di trasferire il complesso dall'Irlanda, dove era stato precedentemente costruito con le pietre provenienti dall'Africa e trasportate sulle spalle dai Giganti,  all'Inghilterra con l'ausilio delle proprie arti magiche. Goffredo, inoltre, asserisce che Uther Pendragon, il padre di Re Artù, e l'usurpatore dell'impero Romano d' Occidente, l'imperatore Costantino III, furono sepolti all'intero del circolo di pietre.

Leggende, miti sicuramente. Eppure la forma particolare in cui sono disposte le pietre, la loro presenza lì, è ricca di fascino e mistero. Attualmente, si è largamente appurato che il sito è ben più antico di Mago Merlino: esso è stato realizzato non in un'unica fase, la più antica delle quali è databile intorno al 2800 A.C. Le pietre, pare, provengano da una cava situata nel Galles: ma, allora, come sono arrivate in Inghilterra? Domanda più che lecita considerando gli scarsi mezzi di cui erano dotati gli uomini dell'età della pietra, la cui principale occupazione consisteva nel procacciare il cibo. 

A cosa si deve, quindi, la costruzione del sito? Gli studiosi moderni sostengono che la nascita di Stonehenge sia connessa, in qualche modo, al ciclo solare. Infatti, le pietre sono disposte secondo un criterio millimetricamente calcolato, in modo tale da richiamare l'orientamento dei pianeti e del ciclo solare e lunare. Una sorta di tempio a cielo aperto in cui pregare e invocare il rinnovamento del ciclo vitale. E qui si infittisce il mistero: chi ha potuto calcolare così precisamente la collocazione delle pietre, la distanza tra un blocco e un altro? Gli studiosi moderni hanno perfezionati i calcoli ma sulla base di quelli risalenti a migliaia di anni fa. 

Il solstizio d'estate a Stonehenge offre un esempio particolare del culto solare, tanto caro ai sacerdoti: il sole, infatti, sorge su un'unica pietra, la Pietra del Sole (conosciuta anche come The Heel Stone, Pietra del Tallone), un masso esterno al cerchio, e da lì si irradiano tutti i suoi raggi all'interno. Secondo un'antica credenza, si trattava del matrimonio tra la Terra e il Cielo, da cui scaturivano nuove energie che consentivano la nascita e la vita.

La Pietra del Sole al di fuori del cerchio
Nessuna leggenda, nessun mito, nessuno studioso potrà mai accertare la verità. Stonehenge resterà l'ombelico geomantico dell'Europa, luogo misterioso in cui, già nell'antichità, si riteneva che sacerdoti e druidi riuscissero a comunicare con forze extraterresti e ad influenzare il moto dei pianeti. 

Forse, non sarà un caso se, ogni anno, il maggior numero di avvistamenti di oggetti non identificati e fasci di luce improvvisi, appaiono nel cielo sovrastante Stonehenge.
Il mistero continua a regnare sovrano.
Stonehenge: il mistero è servito Valutazione: 4.88 su 5 Basato su 16 voti.
Articolo pubblicato il
Stonehenge: il mistero è servito
apri
Offerte di viaggio