Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Sicilia on the road. Quarta puntata.

Ultima tappa di questa avventura in terra siciliana. Scopriremo Noto, città barocca, e andremo a un festival raggae poco lontano da Scicli

Sicilia on the road. Quarta puntata.


Il viaggio riparte per le ultime due tappe di questa emozionante esperienza on the road.

Lasciato Capo Passero partiamo per Noto; faremo un giro per la città per poi pernottare a Scicli e goderci gli ultimi giorni siciliani. La piccola cittadina di Noto è una vera meraviglia per gli occhi. La chiamano Noto città barocca per il suo peculiare centro storico, patrimonio dell’UNESCO, che raccoglie il meglio del barocco siciliano. Camminiamo sul Corso Vittorio Emanuele che taglia la città, ma poi decidiamo di mettere da parte la cartina e vagabondare un po’ senza meta. I palazzi tutti ben tenuti ci affascinano particolarmente per i supporti dei balconi decorati con putti. Troviamo un piccolo giardino con palme che ospita le giornate di signori ormai cresciuti che s’intrattengono chiacchierando e osservando la gente che passeggia. Quando passiamo ci salutano, abituati alla presenza di turisti. Solo dopo, leggendo la guida, scopriamo che si tratta della villetta d’ercole, al cui interno sorge una fontana del 1100. Torniamo poi verso il centro e visitiamo il Duomo di San Nicolò che compare imponente in cima a una rampa di scale. Ci spostiamo poi nella piazza San Domenico, dove si può visitare una chiesa dedicata all’omonimo santo, oppure ci si può sedere e crogiolarsi un po’ al sole.

Terminata la visita di Noto risaliamo in macchina direzione Scicli. Qui abbiamo appuntamento con un gruppo di ragazzi che abbiamo conosciuto durante il viaggio. A Scicli, ci dicono, ci sarà un Festival Reggae proprio in quei giorni. Anche qui il centro storico è colmo di architettura barocca, e noi optiamo per un giro a piedi per visitare i monumenti più importanti, come la Chiesa di San Giovanni Evangelista e il Palazzo del Municipio. Si fa presto, è ora di prepararsi per il festival, che si terrà fuori dalla cittadina, a Valle Ventura. Qui hanno allestito uno spazio camping dove si è organizzata una grande braciata improvvisata. Il Festival è stato un successone, artisti reggae come Pink Elephant e altri si sono alternati sul palco per tutta la notte. Stanche ma soddisfatte il mattino dopo ci concediamo un’ultima giornata al mare nella vicina spiaggia di Randello, che ospita anche una grande pineta ottima per ripararsi nelle ore più calde.

Ormai è tempo di ripartire e salutare la Sicilia, dove abbiamo scoperto paesaggi meravigliosi e luoghi d’altri tempi. Costringo la mia amica a fermarci per un ultimo cannolo prima di salire sul traghetto per Reggio Calabria, ora ci aspetta solo un lungo viaggio verso casa.

Fine.

Sicilia on the road. Quarta puntata.
Articolo pubblicato il
Sicilia on the road. Quarta puntata.
apri
Offerte di viaggio