Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Rimborso ritardo aereo: come richiederlo in U.E.

Rimborso per ritardo aereo: procedure, consigli e i diritti del passeggero nell'Unione Europea

Rimborso ritardo aereo: come richiederlo in U.E.

In un momento storico in cui il traffico aereo si è notevolmente intensificato, la possibilità che il proprio volo subisca un ritardo è abbastanza elevata.

Richiedere un rimborso per il ritardo  dell'aereo è un diritto di ogni passeggero a cui viene inibito l’imbarco a causa di una fattispecie riconducibile a una responsabilità del vettore aereo: questo diritto è stato sancito a livello europeo ed è valido per tutti gli aerei in arrivo e in partenza da un qualsiasi scalo dell’Unione Europea.

La Carta dei Diritti del Passeggero con tutte le info per ottenere il rimborso per ritardo aereoIn tutti gli scali italiani l'ENAC - Ente nazionale per l'aviazione civile - ha distribuito la Carta dei Diritti del Passeggero, per informare sugli obblighi delle compagnie e sui diritti spettanti ai viaggiatori.

Cerchiamo di capire insieme in che modo e in quale misura un passeggero ha diritto al rimborso in seguito ad un ritardo dell'aereo, perché non sempre si verificano le fattispecie specifiche necessarie a ottenere quanto chiesto.

 

Entità del ritardo

Per procedere con la pratica è necessario che il volo abbia accumulato almeno 3 ore di ritardo sull’orario previsto per la partenza o sia stato cancellato. Esistono tuttavia delle differenze importanti in base all’entità del rinvio imposto dalla compagnia aerea: oltre le 3 ma entro le 5 ore il passeggero ha diritto a ricevere una compensazione pecuniaria da parte della compagnia aerea che varia tra i 250 e i 600 euro mentre, superate le 5 ore di ritardo, il passeggero ha diritto a rinunciare al volo e a chiedere il rimborso totale del prezzo del biglietto.

In caso di cancellazione e ritardo aereo, rimborso o compensazione devono essere sempre garantiti dal vettore con cui è stato prenotato il volo nel caso in cui la sua sede legale sia in uno dei Paesi UE e, in base alle convenzioni internazionali, in Svizzera, Islanda o Norvegia.

 

Responsabilità del vettore

Condizione imprescindibile per ottenere il rimborso è, ovviamente, una responsabilità evidente e oggettiva della compagnia aerea che ha impedito al passeggero di procedere regolarmente con l’imbarco per raggiungere la sua destinazione.

Tra le responsabilità a carico del vettore ci sono:

- Guasti all’aeromobile

- Rallentamenti nella manutenzione del velivolo

- Problemi organizzativi in fase d’imbarco

- Qualsiasi altra causa riconducibile all’imperizia o a una carenza del vettore

Il vettore non è responsabile del ritardo in caso di:

- Condizioni meteo avverse

- Sciopero del personale di volo e di terra

- Problemi strutturali dell’aerostazione

- Qualsiasi altra causa non direttamente riconducibile al comportamento del personale del vettore

Tra i doveri della compagnia aera nei confronti dei passeggeri, in caso di ritardo aereo superiore alle due ore o cancellazione c’è l’obbligo di comunicazione dei motivi del rinvio.

 

Modalità di risarcimento

Rimborso: ritardo aereo e cancellazione del volo sono due fattispecie che meritano un indennizzo per limitare il disagio subito dal passeggero a cui è stato impedito di raggiungere la destinazione.

Entro le 5 ore di ritardo il passeggero ha il diritto di essere portato a destinazione con mezzi alternativi che possono essere autobus, navi, automobili o aerei sostitutivi (della compagnia o di un altro vettore) senza un ulteriore esborso di denaro.

A discrezione del passeggero, se possibile, può essere anche effettuata una richiesta di trasporto presso la meta iniziale e non verso quella finale.

Inoltre, in base alla tipologia di volo e alla durata del ritardo preventivato dalla compagnia, i passeggeri di qualunque età hanno diritto all’assistenza: devono essere garantiti pasti e bevande gratuiti, telefonate e, nel caso di ritardo prolungato e nessun’altra possibilità di trasporto, dev’essere messo in atto un piano di assistenza che preveda il pernottamento gratuito dei passeggeri vittime del ritardo.

Se, però, il passeggero accetta il rimborso del biglietto non può avanzare pretese su altre forme assistenziali come il trasporto alternativo o il vitto e l’alloggio in caso di ritardi che superano le 5 ore.

 

La compensazione

L’eventualità della compensazione, invece, è prevista per i ritardi oltre le 3 ore con modalità e importi diversi in base alla lunghezza del volo e alla destinazione:

Voli interni all’Unione Europea

- Per le tratte entro i 1500 km la compensazione vale 250 euro

- Per le tratte superiori ai 1500 km la compensazione vale 400 euro

Voli in partenza da un Paese UE verso un Paese extra UE

- Per le tratte entro i 1500 km la compensazione vale 250 euro

- Per le tratte entro i 3500 km la compensazione vale 400 euro

- Per le tratte oltre i 3500 km la compensazione vale 600 euro

Nel caso in cui la compagnia aerea proponga al passeggero una modalità di trasporto alternativa la compensazione può essere ridotta del 50%.

 

Il modulo per la richiesta di rimborso per ritardo aereo nell'UECome chiedere il rimborso ritardo aereo

Nel caso in cui sussistano le condizioni per chiedere il rimborso ritardo aereo, il passeggero deve:

- Scaricare l’apposito modulo di reclamo dedicato ai passeggeri UE, compilarlo e inoltrarlo alla sede legale della compagnia aerea per mezzo raccomandata avendo cura di tenere una copia di sicurezza.

- Il vettore aereo è obbligato a esaminare il reclamo e a esprimersi positivamente o negativamente.

- Nel caso in cui al passeggero non venga data nessuna comunicazione entro 6 settimane o la risposta ricevuta non risultasse esaustiva, si può procedere con l’inoltro del medesimo reclamo verso l’organismo nazionale di controllo dell’aeroporto in cui si è verificato il fatto contestato se interno all’Unione Europea, o all’organismo di controllo dell’aeroporto di destinazione se quello di partenza è al di fuori dei confini europei e se la compagnia ha sede in un Paese UE.

La procedura di reclamo è uguale per tutte le compagnie europee.

Il rimborso per il ritardo dell'aereo è un diritto di qualunque passeggero ed è un’importante conquista per i viaggiatori che spesso vedono rovinata la gioia di una vacanza a causa di annullamenti o di una lunghissima attesa in aeroporto.

Rimborso ritardo aereo: come richiederlo in U.E. Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 1 voti.
Articolo pubblicato il
Rimborso ritardo aereo: come richiederlo in U.E.
apri
Offerte di viaggio