Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Qualcosa di nuovo a New York

Nella città che non dorme mai ogni giorno spunta un grattacielo, raddoppia un museo, nasce una tendenza, scopriamo le ultime novità insieme!

Qualcosa di nuovo a New York

New York
non è solo Manahttan! E' una città all'avanguardia che offre ai visitatori molte opportunità, non basta una sola volta per visitarla. Per stare al passo e mordere la Grande Mela fino all'ultimo pezzetto, possiamo scoprire le ultime novità che ci propone la città più spettacolare del mondo.


Nel Queens si ammirano le opere e le istallazioni dei giovani emergenti


La Living Pyramid del Socrates Sculptures Park nel Queens, meraviglia della natura trasformata dall'uomo in architetturaPer chi ama l'arte contemporanea ed è alla ricerca di un luogo alternativo, deve assolutamente fare una sosta nel quartiere Queens, il più multietnico  della città che si sta rilanciando come zona emergente dell'arte. Molto interessante da visitare è il Socrates Sculpture Park, parco di installazioni temporanee che si integrano con lo skyline della metropoli e con il verde circostante: dalla Living Pyramid, la piramide vivente, fatta a piccole terrazze di erbe fiori a due alberi costruiti con tronchi e rami raccolti e inchiodati tra loro.

Sul prato che costeggia l'East River si possono seguire lezioni gratuite di yoga con vista sull'Upper East Side oppure salire a bordo di canoe e kayak. Il vicino museo, il Noguchi Museum, offre un'atmosfera  zen e  minimal.

In esso sono raccolte le sculture in pietra e metallo di uno dei maggiori artisti giapponesi del Novecento. Isamu Noguchi negli anni Settanta trasferì in questa zona industriale il suo atelier per avere a portata di mano la materia prima delle sue sculture.

Contemporaneo, sobrio e squisitamente minimal il Noguchi Museum nel Queens                                                                               Foto: Elizabeth Beller (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Un altro luogo imperdibile nel Queens è il MoMa PS1, una sorta di versione 2.0 del famoso Moma, allestito in un ex istituto scolastico fra aule e corridoi. È possibile vedere all'interno quanto di più sperimentale e visionario ci sia nel mondo dell'arte contemporanea.

La grande installazione del MoMa PS1 di New York, museo visionario
Dopo la visita, si può fare una breve sosta nella caffetteria del museo e rimanere stupefatti dall'originalità degli arredi: il menù è scritto sulla lavagna e banchi e cattedre sono invece i tavoli dove vengono servite le ordinazioni.



Nel Seaport District tra abiti hipster e negozi temporanei


Una delle viste migliori sul ponte di Brooklyn è quella che si ha dalla vecchia Marina, l'Old Seaport District, che si estende tra Fulton e Dover Steet e da Pearl Street all'East River. Un tempo porto fiorente, poi caduto in disuso, è oggi protagonista di un grande progetto di rivalutazione.


Visitando questo quartiere ci si può immergere in un'atmosfera hypster: è possibile sostare nelle aree-prato sulle sdraio in attesa di spettacoli live e dj set. Ci sono in questo quartiere molti pub, wine bar e Burger gourmet, dove anche Thomas Edison, l'inventore della lampadina, ordinava la sua adorata pinta di Guinness. Per gli amanti dello shopping, consiglio di entrare nei pop-up shops, ossia dei vecchi container dove ci sono negozi temporanei che durano il tempo di una stagione. In essi si possono acquistare abiti vintage dei giovani stilisti, come vecchi jeans dipinti a mano. Inoltre ci sono molti eventi che animano questo quadrilatero: mercatini notturni, raduni di cani bulldog, street party e sessioni di yoga.


Nel Meatpacking District  si può  visitare  il nuovo Whitney firmato da Renzo Piano


La zona degli ex mattatoi, il Meatpacking Dictrict, è da tempo una delle più frequentate di giorno e di notte. In passato la ferrovia passava a livello di strada e gli incidenti tra pedoni e treni erano all'ordine del giorno. Una volta abbandonati i binari, la vecchia linea è stata recuperata creando un parco urbano sopraelevato. È la High Line, passeggiata dove assistere a concerti e mangiare cibo biologico dai food truck. Ogni settimana ci sono tuor botanici, osservazioni astronomiche notturne e laboratori architettonici con i mattoncini Lego. La vera  novità  del distretto è l'apertura della nuova sede del Whitney Museum of American Art, firmato da Renzo Piano, dove la collezione si è ampliata da 2000 a 19000 pezzi. Esso fu fondato negli anni Trenta ed ospita oggi una delle più  belle collezioni di arte contemporanea a New York. Da visitare inoltre è l'ex Pier 57, oggi ribattezzato Super Pier, un grande spazio con negozi, ristoranti, beach club e una palestra con la parete di roccia per le arrampicate.

Passeggiando sul Meatpacking Dictric sulla High Line: New York sì che sa stupire!                                                       Foto: "High Line 20th Street looking downtown" by Beyond My Ken - Own work. Licensed under GFDL via Commons

Per raggiungere New York  consiglio di prenotare  un volo con la compagnia Brussels Airlines da Roma Fiumicino con tariffe eccezionali a partire da 539 a/r (). Per pernottare, centralissimo è l'hotel Grace Room Mate
Per i turisti  trendy, che vogliono essere sempre aggiornati sulle ultime novità, non resta che prendere al volo l'opportunità di un bellissimo week-end newyorchese!
Qualcosa di nuovo a New York Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
Qualcosa di nuovo a New York
apri
Offerte di viaggio