Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Olimpiadi di Rio 2016: la prima volta del Sudamerica

Le Olimpiadi 2016 si svolgeranno dal 5 al 21 Agosto e per la prima volta un paese sudamericano, Rio de Janeiro, scopriamo insieme questo evento imperdibile

Olimpiadi di Rio 2016:  la prima volta del Sudamerica

Con le Olimpiadi di Rio 2016, si giunge alla XXXI edizione di una manifestazione che prevede la competizione tra i migliori atleti dei 5 continenti.

La magnifica cerimonia di apertura avrà luogo il 5 agosto al Estadio Jornalista Mario Filho, noto agli amanti del calcio come “Maracanà”
Saranno 17 emozionanti giorni di sport e aggregazione, dove sudore, forza , tecnica e tenacia la faranno da padrone, il tutto per poter salire sul podio e guadagnarsi l'agognata medaglia.

Scenario dei prossimi Giochi, sarà la splendida Rio de Janeiro con le sue bellissime spiagge, i suoi panorami mozzafiato e l'allegria del popolo brasiliano, per un'edizione tutta sudamericana dei “giochi olimpici”.

 

Ma prima di leggere qualche curiosità sulle Olimpiadi 2016, scopriamo insieme un po' della storia di questa grande manifestazione.

 

Con il termine Olimpiade si indica l'intervallo di tempo di 4 anni che intercorre tra un'edizione e l'altra dei Giochi Olimpici. Questi ultimi, venivano disputati nella Grecia Antica più precisamente nella città di Olimpia e avevano un'importanza religiosa in quanto venivano svolti in onore di Zeus. La partecipazione era permessa solo agli atleti Greci liberi e che avessero antenati Greci. Con il potere romano in Grecia però, i giochi cominciarono a perdere importanza, quando poi il Cristianesimo divenne religione ufficiale dell'Impero, questi “giochi pagani” furono del tutto vietati dall'Imperatore Teodosio I. Fu solo nel XIX secolo che il barone Pierre de Coubertin, grande Umanista, convinse le grandi organizzazioni sportive in un Congresso che si tenne alla Sorbona il 25 Novembre del 1894, a ri-organizzare dei giochi simili a quelli che si svolgevano nell'antica Grecia. Nacque così il CIO (Comitato Internazionale Olimpico) e si decise di svolgere la prima manifestazione dell'Olimpiadi moderne ad Atene.

Ai giochi del 1896 parteciparono 13 nazioni e 245 concorrenti.

Dalla prima edizione ad oggi, molte cose sono cambiate e per le Olimpiadi di Rio 2016 sono previsti più di 10.500 atleti provenienti da 204 paesi, 33 saranno le strutture che ospiteranno le varie discipline sportive:

  • 14 strutture a Barra;
  • 9 a Deodoro;
  • 5 a Maracanà;
  • 5 nel quartiere di Copacabana.

306 competizioni con medaglia per un totale di 23 sport e 42 discipline, e per queste l'edizione 2016 ci sono 2 nuove arrivate, il Golf ed il Rugby a 7.

video credit: Olympic

Il paese sudamericano in vista delle Olimpiadi 2016 si sta preparando ad ospitare milioni di persone, il governo in collaborazione con Radio Globo e l' EF (English First), ha organizzato corsi di lingua inglese per più di 10.000 mila tassisti, i biglietti già in vendita dal mese di Aprile, hanno un costo che vanno dai 6 euro ai 1300 della cerimonia d'apertura.

La mascotte di questi giochi olimpici, Vinicius, è un incrocio di diversi animali brasiliani a testimonianza dell'integrazione tra le varie culture ed i vari popoli.

Un'altra novità delle Olimpiadi di Rio 2016 è la partecipazione di una squadra composta da 10 atleti rifugiati, 2 nuotatori siriani, 2 judoka della Repubblica democratica del Congo e 6 corridori sudanesi ed etiopi per ricordare al mondo che i sogni non vanno mai abbandonati.

Durante i giochi molte delle gare verranno svolte dopo le 11 di sera sopratutto quelle di nuoto e quindi molti atleti dovranno cambiare le loro regole alimentari e di riposo. A proposito di nuoto, per l'Italia la portabandiera sarà la bellissima e bravissima Federica Pellegrini, già campionessa olimpionica nel 2008 a Pechino.

 

L'attesa sale e per chi ama lo sport ed il caldo sudamericano non resta che preparare le valige e partire per godere del magnifico spettacolo che ci regaleranno queste Olimpiadi 2016... ah dimenticavo, per gli atleti in gara un grande in bocca a lupo e ricordate le parole del Barone De Coubertin: “L' importante non è vincere ma partecipare”.

Olimpiadi di Rio 2016: la prima volta del Sudamerica Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 2 voti.
Articolo pubblicato il
Autore: Nadia Scafaro
Olimpiadi di Rio 2016:  la prima volta del Sudamerica
apri
Offerte di viaggio