Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Nient'altro che Turchia!

Nella terra di mezzo tra Oriente e Occidente, cimelio di storia e antichità

Nient'altro che Turchia!

Creare un itinerario, senza perdersi nulla della Turchia, è davvero un’impresa da imperatore ottomano. Ma ci proveremo lo stesso, segnando un percorso che perlomeno vi renderà soddisfatti e vi incuriosirà ancora di più. Prenotate un aereo per Istanbul e iniziate l’avventura.

1° tappa. Il primo step non può che essere la romantica e impetuosa Istanbul. Ci vorrebbero settimane intere per scoprire ogni angolo e ogni segreto di questa metropoli in continua evoluzione, ma si possono scegliere alcune tappe essenziali. Non potrete rinunciare a fare un salto alla grandiosa Moschea blu, l’entrata è gratuita e ne rimarrete sbalorditi. Poi sarà il momento di Aya Sofia (Santa Sofia), commistione di stili simbolo di epoche tra loro differenti. Se siete incuriositi delle misteriose vite delle fanciulle che affollavano le stanze del sultano fate un salto a Palazzo Topkapi; in molti rimangono davvero affascinati dall’harem al suo interno. Per osservare Istanbul dall’alto e godervi un panorama a 360°, passeggiate fino ad arrivare alla cittadella genovese e salite sulla Torre di Galata. Purtroppo il tempo stringe e probabilmente avrete solo qualche altra ora per il Gran Bazar e magari per un bagno turco in un hammam. E subito via verso un altro luogo…

2° tappa. Da Istanbul volate a Denizli, a 60km da Pamukkale il “castello di cotone”, viene così chiamato per le piscine calcaree formatesi dalle sorgenti di acqua sulfurea. Si tratta di una moltitudine di rocce bianche circondate da piccoli laghi turchesi. Questo luogo che può sembrare un ghiacciaio, dai colori chiari del calcare, è pieno di sorgenti termali.

3° tappa. Tornati a Denizli potrete prendere un bus interno per Goreme e sarete catapultati in Anatolia centrale, nella fiabesca Cappadocia. E qui troverete uno dei panorami più belli al mondo. Li chiamano i camini delle fate, dal nome già s’intende l’atmosfera surreale di un luogo davvero suggestivo: questi tetti modellati dall’erosione del tempo e degli agenti atmosferici, sono veri testimoni di come la natura sia l’artista più talentuosa. Se non volete essere troppo parsimoniosi non rinunciate alla gita in mongolfiera all’alba: sorvolerete la zona osservando i camini, i canyon, le torri e i crepacci. Queste meraviglie geologiche erano una volta abitazioni dei rifugiati religiosi che si costruirono le loro case scavando nella roccia. Quel che ne rimane è uno spettacolo di grotte e cunicoli e chiese sotterranee, assolutamente da vedere.

4° tappa. Se non volete farvi mancare nulla e visitare all’incirca tutti i punti della Turchia, vi consigliamo un’ultima tappa nell’affascinante Anatolia sud-orientale. Meta: il Monte Nemrut. In questo posto sono disseminate delle statue enormi che rappresentano dèi greci e animali.

Il nostro viaggio purtroppo termina qui. I luoghi della Turchia che valga la pena visitare sono davvero molti e talmente differenti tra loro che bisogna vederli assolutamente con i propri occhi. Questo però può essere un assaggio di una terra magica che non smetterà mai di stupirvi. 

Nient'altro che Turchia! Valutazione: 4.00 su 5 Basato su 1 voti.
Articolo pubblicato il
Nient'altro che Turchia!
apri
Offerte di viaggio