Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Mulini a vento: Olanda tra storia e tradizioni

Maestosi, imponenti e ancora funzionanti. Un tour emozionante tra i mulini a vento: Olanda, terra affascinante raccontata attraverso i suoi più famosi simboli

Mulini a vento: Olanda tra storia e tradizioni

Musei, canali, opere d’arte e passeggiate in bicicletta tra le vie della città. Ma anche gite sul fiume per ammirare le immense distese di tulipani e piccole città da visitare. Benvenuti in Olanda, la magica terra dei mulini a vento. 

Il binomio Mulini a vento Olanda, ha origini antiche e si fonde con l’essenza stessa di questo Paese.

Nati allo scopo di drenare l’acqua in eccesso dai campi, con il tempo, i mulini non solo sono stati utilizzati per macinare e soffiare grano e cereali, ma sono diventati vere e proprie botteghe per la lavorazione e vendita di prodotti tipici (pratica ancora in uso in alcuni) come formaggi e oggetti vari.

I mulini, inoltre, anticamente, a seconda di come erano posizionate le pale, comunicavano qualcosa riguardo alla vita di chi li possedeva: "leggendo" le loro pale la comunità apprendeva le notizie gioiose, gli orari di lavoro dei mugnai e, non ultimi, i lutti che colpivano la popolazione circostante.  Durante il secondo conflitto mondiale, non di rado, i mulini si facevano portatori di messaggi in codice e avvertivano del pericolo di probabili retate.

A oggi, l’Olanda conta più di mille mulini: risalenti quasi tutti tra il Settecento e l’Ottocento, essi si concentrano soprattutto nell’area di Kinderdijk, i cui mulini sono inseriti nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità.

Decidere di organizzare un tour tra i mulini a vento, può rappresentare un’esperienza entusiasmante e decisamente affascinante. L’Olanda, infatti, con la varietà dei suoi passaggi, non è solo la patinata Amsterdam dei grandi musei, dei canali e dei capolavori dell’arte: è anche una terra ricca di tradizioni e tra i suoi simboli che l’hanno resa famosa del mondo, accanto ai tulipani, vi sono i mulini a vento.

Quindi, se siete alla ricerca di un viaggio differente, alla scoperta del lato più antico, contadino dei Paesi Bassi, ecco le città in cui si concentrano il maggior numero e i più begli esemplari, di mulini a vento in Olanda:


AmsterdamIl magnifico Molen van Sloten, uno dei più antichi mulini a vento di Amsterdam"Molen van Sloten" by Marion Golsteijn

Partiamo proprio da qui, dai mulini della capitale dei Paesi Bassi. Ad Amsterdam, infatti, troviamo ben otto mulini, di cui due aperti al pubblico. Tra quelli più antichi risalenti al XVII secolo, in città, troviamo De 1200 Roe (Haarlemmerweg, 465), De 1100 Roe (Herman Bonpad, 6), il Riekermolen sull’Amstel, e De Otter (Gillis van Ledenberchstraat, 78). Di più recente costruzione, invece, abbiamo D'Admiraal (Noordhollandschkanaaldijk, 21) e De Bloem (Haarlemmerweg, 701).Completamente visitabili, il Fuenmolen (Fuenenkade, 7) ospita una fabbrica di birra che vende la tradizionale birra olandese Y-lake e il Molen van Sloten (Akersluis, 10).


AalsmeerMulini a vento Olanda: De Leeuw di Aalsmeer è fra i più antichiFoto: www.netherlands-tourism.com

A poca distanza da Amsterdam, la piccola città di Aalsmeer è conosciuta nel mondo per la sua celebre asta di fiori che si rinnova di anno in anno. Pochi, però, conoscono De Leeuw, il suo importante mulino. Costruito nel 1863, di pianta ottagonale, De Leeuw è stato completamente restaurato nel 1995: dotato di una coppia di macine, il mulino è dedicato alla lavorazione del grano. I visitatori possono salire fino al solaio per ammirare il panorama circostante, mentre al primo piano vi è un'interessante mostra fotografica incentrata sulla vita nei mulini.


Kinderdijki mulini di Kinderdij: Patrimonio dell'UmanitàA soli 15 km da Rotterdam, alla confluenza dei fiumi Lek e Noord, Kinderdijk è il più importante complesso di mulini a vento d’Olanda: ben 19 strutture diventate Patrimonio Dell’Umanità.  Stagliati sullo sfondo di uno scenario tranquillo e pittoresco, i mulini di Kinderdijk raccontano la vita e il lavoro dei mugnai, come si estraeva l’acqua dai terreni inondati e come si correva ai ripari in caso d’inondazioni. Disposti su due file, nei mesi estivi, tutti e 19 i mulini girano a pieno ritmo.


SchiedamI mulini a torre di Schiedam sono i 5 più grandi al mondo                                 Foto: Han Dijkstra

Situati nella parte meridionale dell’Olanda, quelli di Schiedam sono i cinque mulini a vento più grandi al mondo.  Alti oltre 40 metri, questi mulini a torre di tipo industriale, nati allo scopo di macinare grano e altri cereali, nel corso degli anni, si sono distinti nella produzione de jenever, il tipico gin olandese.


Zaandam

Disegna il paesaggio da secoli il mulino De Huisman di ZaandamL'affascinante e ben conservato interno del mulino De Huisman di Zaandam, Olanda

"De Huisman" by Kevin Bus

Il nostro tour tra i mulini a vento d’Olanda non può dirsi concluso senza aver prima ammirato Zaandam e, soprattutto, Zaanse Schans, un gioiello di appena 40 casupole tutto da scoprire. Un villaggio pittoresco e caratteristico, talmente perfetto da ricordare una patinata cartolina, rappresenta il paesaggio tipico dei polder dell’Olanda settentrionale. Le case, basse e dipinte di verde, sono circondate da mulini: un museo a cielo aperto, ancora poco battuto dal turismo di massa.

Risalenti al XVIII secolo, questi imponenti mulini costituiscono uno dei primi siti industriali al mondo. L’attività dei mulini si concretava nella produzione di materiali da lavoro, di scaffalature, di grano, olio, pittura, senape e persino carta.  Considerata area protetta, la zona dei mulini è immersa in un contesto quasi magico, fatto di fiori, prati curati, animali lasciati liberi di pascolare e stormi di cigni, oche e anatre starnazzanti, liberi di nuotare nei canali.

Nel paradiso di Zaanse Schans, troviamo ancora sei mulini funzionanti e conservati in ottimo stato: De Huisman, celebre per la produzione di mostarda, De Gekroonde Poelenburg e Het Jonge Schaap adibiti a segheria, De Kat, dedicato alla macinazione dei prodotti per ottenere le vernici, De Zoeker e De Bonte Hen, per la macinazione di semi di lino e di arachidi, e, infine, lo Schoolmeester, l’ultimo mulino rimasto per la produzione di carta.

Un’esperienza unica e totalizzante, alla scoperta della lavorazione di materie prime, legno, formaggi e ceramiche.

Finisce qui il nostro tour dei mulini a vento: l’Olanda, così, davvero non l’avete mai vista. Lontana dai fasti e dai luccichii di Amsterdam, ma non per questo meno viva e intensa, la terra dei tulipani e del vento si mette a nudo, svelandosi in tutta la sua maestosa bellezza. 

Mulini a vento: Olanda tra storia e tradizioni Valutazione: 4.89 su 5 Basato su 9 voti.
Articolo pubblicato il
Mulini a vento: Olanda tra storia e tradizioni
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio