Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Mozambico: l'omosessualità non è più reato

Dopo anni di lotte e soppressioni, il Paese africano ha depenalizzato l'omosessualità: una nuova piccola vittoria per la comunità LGBT

Mozambico: l'omosessualità non è più reato

Il Mozambico ha definitivamente, e finalmente, abolito il reato di omosessualità: si è concluso da poche ore l’iter cominciato a dicembre con la revisione del codice penale che, di fatto, abolisce il reato di omosessualità e liberalizza una condizione di fatto.

Dopo il referendum nella Repubblica d’Irlanda e la decisione della Corte Suprema negli Stati Uniti per legalizzare i matrimoni gay, arriva un’altra importante conquista per il processo di affermazione dei diritti civili anche in un Paese difficile come il Mozambico.

Il codice penale recentemente modificato risale alla fine del XIX, quando il Mozambico era una colonia portoghese: nonostante la legge fosse categorica e perseguisse legalmente e penalmente chiunque professasse la propria o l’altrui omosessualità - con pene che arrivavano fino a 3 anni di lavori forzati - l’intolleranza è molto meno evidente rispetto ad altri Paesi dell’Africa Meridionale in cui la vita per le persone gay è quasi insopportabile. In questo piccolo Stato sulla costa sud-orientale del continente, nonostante la legge prevedesse misure coercitive nei confronti di chi era considerato dedito ad atti e attività contro natura, dal 1975 che il Mozambico ottenne l’indipendenza dal Portogallo non furono mai applicate nei confronti degli individui trasgressori.

Nei fatti, quindi, questa modifica non cambia nulla per la vita degli omosessuali in Mozambico, ma può essere considerata una vittoria grandissima, un primo passo per iniziare un lungo e tortuoso cammino per l’accettazione sociale delle persone della comunità LGBT, che nonostante non abbiano avuto recentemente problemi con la legge, non hanno mai ricevuto un riconoscimento.

Questo è il primo pensiero di chi da anni lotta e combatte per l’integrazione delle persone gay in Mozambico: l’associazione Lambda opera da anni nel Paese per la difesa dei diritti LGBT nel Paese, senza mai aver avuto un riconoscimento ufficiale istituzionale. Come dichiarato da alcuni esponenti, che non hanno voluto rivelare la loro identità, alle agenzie di stampa che hanno chiesto un commento a caldo sul nuovo status civile nel Paese, la prossima sfida è quella dell’inclusione delle dinamiche della società del Paese, senza discriminazioni e senza paure.

Alcuni attivisti delle cause LGBT non si fanno troppe illusioni: il processo di depenalizzazione non è stato una scelta politica sentita e naturale, ma quasi una costrizione, una forzatura da parte dei numerosi investitori che stanno arrivando in questo Paese, portando ricchezza e lavoro.

Non ci sono state manifestazioni, nessuno proclama, nessuna cerimonia per festeggiare l’abolizione del reato di omosessualità in Mozambico, dove i reati omofobi non sono percentualmente rilevanti come, purtroppo, accade nei Paesi confinanti, Zimbabwe su tutti.

Il Mozambico è un Paese straordinario dal punto di vista paesaggistico: le sue spiagge ne fanno un vero e proprio Paradiso Terrestre sconosciuto alla maggior parte delle persone. Spiagge candide e mare di tutte le sfumature di turchese: Vilankulo e Inhassoro sono solo due delle più belle, in un Paese lontano dai flussi turistici di massa, che ha potuto conservare intatte le sue bellezze.

Con la speranza che questo non sia solo un atto dovuto nei confronti dei nuovi colonizzatori economici, la depenalizzazione del reato di omosessualità in Mozambico potrebbe essere un primo, piccolo e doveroso passo verso l’affermazione di uno status di uguaglianza per tutti i cittadini. E chissà che in breve tempo il Mozambico non diventi una nuova meta ambita per il turismo di lusso mondiale, gay e etero, viste le ultime manovre di apertura del suo Governo.

Mozambico: l'omosessualità non è più reato Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
Mozambico: l'omosessualità non è più reato
apri
Offerte di viaggio