Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Mondiali in Brasile. Le città del centro

Il campionato internazionale di calcio è un'ottima occasione per conoscere al meglio il quinto Paese più grande del mondo. Ecco le città ospitanti del centro

Mondiali in Brasile. Le città del centro

Brasile: calcio e favelas
Fuori dai giri turistici più popolari, ma non per questo meno ricche dei segni distintivi della “brasilianità” nel mondo, tra le dodici città che ospiteranno i mondiali di calcio nel 2014, ce ne sono quattro non bagnate dal mare, che dall’Amazzonia fino al Minas Gerais vi permetteranno di conoscere un Brasile insolito.

Situata sulla riva del Rio Negro, Manaus è un famoso porto del Brasile, legato alle piantagioni di caucciù. Ha oggi un volto moderno e cosmopolita, ed è da questa città che partono moltissimi tour alla scoperta della foresta amazzonica, con lunghe camminate lungo i vari fiumi che l’attraversano. Manaus è anche una città fortemente ecologica, con molte aree verdi e parchi che preservano la foresta dall’invasione aggressiva dell’uomo.

Fuori da ogni giro turistico e costruita nel centro esatto del Sud America, Cuiabà è la capitale del Mato Grosso che forse, grazie a questo campionato mondiale, avrà il giusto onore. Molto caratteristico è il centro commerciale, con colorati negozi di souvenir e prodotti tipici e che costruiscono un pittoresco dedalo di stradine. Per chi volesse conoscere la storia della regione e della città, il Museo del Mato Grosso è l’ideale; non lontano sorge il memoriale di Giovanni Paolo II, in ricordo del viaggio del Pontefice nel 1991.

Capitale dal 1960, Brasilia è nota per essere una delle città più grandi al mondo ad essere stata completamente pianificata in 41 mesi, per spostare lì la capitale dalla città di Rio de Janeiro.  La città è quindi completamente moderna, senza alcun reperto storico. Molto suggestiva è la Cattedrale, con una struttura iperboloide, con il suo tetto di vetro che pare si alzi verso il cielo. A San Giovanni Bosco, che pare abbia sognato la città ben prima che venisse costruita, è stato dedicato un santuario, non lontano dalla spianata dei ministeri, dove sorge il palazzo del Congresso nazionale del Brasile, un blocco orizzontale con un emisfero rivolto verso il basso assegnato al Senato, ed uno rivolto verso l’alto assegnato alla Camera, con due torri gemelle al centro.

Belo Horizonte è la città brasiliana con la più grande concentrazione di bar, ognuno con un menu caratteristico e con cocktail e bevande. Su tutti il Cachaça, il famoso distillato ottenuto dal succo della canna da zucchero, da gustare seduti nelle caratteristiche stradine in compagnia di amici. Una bella escursione può essere fatta in riva al lago Pampulha, circondato da grandi aree verdi e parchi, che dà il nome anche ad un quartiere dove è localizzato un bel museo d’arte. Molto interessanti e “moderni” sono anche i musei della città, come quello di storia naturale e l’orto botanico.

Costruite tutte di recente, per far fronte all'espansione demografica e ai flussi migratori del XX secolo, queste città sapranno farvi apprezzare una modernità non fredda e spuria, ma che si inserisce all'interno delle caratteristiche che hanno reso noto il Brasile: la convivialità e la disponibilità dei suoi abitanti.

Mondiali in Brasile. Le città del centro Valutazione: 4.50 su 5 Basato su 2 voti.
Articolo pubblicato il
Mondiali in Brasile. Le città del centro
apri
Offerte di viaggio