Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Matrimonio gay: i Paesi che hanno detto sì!

In alcuni posti del mondo l'omosessualità è considerata reato, ma fortunatamente, in altri due persone dello stesso sesso possono sposarsi. Scopriamo quali

Matrimonio gay: i Paesi che hanno detto sì!

Purtroppo, il matrimonio tra persone dello stesso sesso non è riconosciuto ovunque nel mondo. Per millenni, la mentalità dominante non ha permesso la legalizzazione di tale atto e sposarsi, per coppie omosessuali, è stato sempre considerato un tabù. L'gnoranza e la paura del "diverso" (che poi spesso ha nascosto e nasconde tendenze latenti) ha fatto sì che negli anni questa possibilità fosse vissuta come un abominio e non come celebrazione d’amore, come l'unione ufficiale tra due persone che vogliono trascorrere il resto della vita insieme senza nascondersi nell’ombra, ma mostrandosi alla luce del sole oltre tutti i pregiudizi.

Anche se è stata dura e ci sono volute battaglie su battaglie, finalmente i matrimoni gay sono diffusi in tutto il mondo, ma ci sono ancora 78 paesi che considerano l’omosessualità un reato, come ad esempio Yemen, Sudan, Iran.

I primi al mondo a legalizzare l’unione tra coppie dello stesso sesso sono stati i Paesi Bassi nel 2000 e da allora sono tantissimi i Paesi che hanno seguito il medesimo esempio: il Belgio nel 2003, Spagna e Canada nel 2005, il Sudafrica nel 2006, la Norvegia nel 2008, la Svezia nel 2009, Portogallo, Islanda e Argentina nel 2010, Danimarca nel 2012 e infine l’ultimo paese ad aver introdotto nel proprio ordinamento il matrimonio gay è stata la Francia, il 23 aprile di quest’anno.

Ultimo paese ad unirsi a chi ha legalizzato i matrimoni gay sono le statunitensi Hawaii che il 13 novembre del 2013 hanno reso possibile l'unione ufficiale tra persone dello stesso sesso.

A tale elenco andrebbero aggiunti anche altri Paesi come il Messico, e alcuni Stati americani come Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Maine, Maryland e Washington.

Infine, ci sono Paesi ove esistono unioni civili fra persone dello stesso sesso ma non con tutti i diritti di un matrimonio etero: Austria, Finlandia, Germania, Ungheria, Irlanda, Liechtenstein, Svizzera, Regno Unito, Brasile, Colombia, California, Colorado, Delaware, Illinois, Nevada, New Jersey, Oregon.

La legalizzazione dei matrimoni gay nella maggior parte del mondo rappresenta una vittoria fondamentale per gli Lgbt di tutto il pianeta e ciò si evince perfettamente dalle parole dello State-Sponsored Homophobia report 2013, un rapporto annuale sullo stato dei gay e delle lesbiche negli ordinamenti di tutti i Paesi: «Il 2012 e il 2013 verranno ricordati come gli anni delle leggi sui matrimoni dello stesso sesso».

La speranza è che tutti gli altri si adeguino presto e che questo diritto venga assicurato a tutte le persone, indipendentemente dall'orientamento sessuale. 

Matrimonio gay: i Paesi che hanno detto sì!
Articolo pubblicato il
Matrimonio gay: i Paesi che hanno detto sì!
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio