Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Le isole Egadi vincono il premio Smart Communities di Smau

Il progetto dell'ENEA intende preservare e valorizzare le bellezze dell'arcipelago delle Egadi puntando su una forma di turismo sostenibile

Le isole Egadi vincono il premio Smart Communities di Smau

By simonetta viterbi from milano, italy (con la punta...) [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons


Il progetto “Turismo sostenibile per le isole Egadi” dell’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) si è aggiudicato il premio Smart Communities di Smau, la principale fiera italiana dedicata all’Information & Communications Technology, svoltasi a Milano a fine ottobre.

Avviato nel 2011, in stretta collaborazione con il Comune di Favignana e con l’AMP (Area Marina Protetta delle Isole Egadi), il progetto coinvolge le isole che compongono l’Arcipelago delle Egadi: Favignana, Marettimo e Levanzo. L’iniziativa nasce dall'esigenza di far fronte all'ondata di turisti (oltre 400 mila) che ogni anno durante la stagione estiva affollano le tre isole. L’obiettivo è quello di valorizzare e gestire al meglio le risorse idriche, il ciclo dei rifiuti e le risorse naturali rispettando l’ambiente circostante.

Offerte ad un prezzo mai visto

Il programma dell'ENEA ha visto il susseguirsi di diverse fasi. In primis, sono state effettuate numerose indagini sull’ambiente, sull’economia e sugli aspetti sociali. In seguito sono stati interpellati abitanti, albergatori e turisti attraverso dei questionari per capire gli effettivi disagi. Una volta raccolti i dati è stato elaborato il piano vero e proprio.

I provvedimenti sono stati molteplici. Per ridurre il volume di bottiglie di plastica, a Favignana è stata creata la casa dell’acqua - alimentata con pannelli fotovoltaici - dove i residenti, dotati di una card, prelevano l’acqua con bottiglie di vetro fornite dal comune. 

Inoltre, nell’isola di Marettimo, è stato realizzato un impianto di compostaggio che trasforma i rifiuti organici in fertilizzante per il terreno.

Per evitare che i residui della pianta acquatica Posidonia Oceanica restassero sul bagnasciuga di Favignana, è stata anche brevettata una procedura che consente il loro reimpianto sul fondale marino. Questa soluzione ha portato un notevole beneficio all’ambiente marino, in quanto questo vegetale è in grado di assorbire grandi quantitativi di CO2 creando un habitat ideale per la riproduzione di numerose specie ittiche.

In più sono stati realizzati due libri illustrati collegati ad un sito web. Utilizzando lo smartphone, attraverso il QR code (un sorta di codice a barre), si può accedere a 28 itinerari subacquei da poter visitare nelle acque intorno alle isole Egadi.

Le strutture del settore turistico avranno infine la possibilità di ottenere la certificazione ambientale da parte della AMP qualora vengano soddisfatti determinati requisiti di sostenibilità ambientale.


Dall’inizio del progetto ad oggi, nelle tre isole siciliane, è stato stimato un incremento del numero di visitatori intorno al 7%. Visti gli ottimi risultati, non è da escludere che questa iniziativa possa diventare un modello da replicare in altri territori che sono sottoposti allo stesso tipo di problematiche.

Questo sistema vincente di turismo sostenibile è l'esempio lampante di come si possano salvaguardare le risorse ambientali del bel paese senza limitare i bisogni dei viaggiatori. L’idea giusta per sensibilizzare la popolazione ed i turisti che ogni anno accorrono numerosi per trascorrere un soggiorno in una delle tre meravigliose perle che compongono l’arcipelago delle Egadi!

Le isole Egadi vincono il premio Smart Communities di Smau Valutazione: 4.89 su 5 Basato su 9 voti.
Articolo pubblicato il
Le isole Egadi vincono il premio Smart Communities di Smau
apri
Offerte di viaggio