Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

L'arte di lavorar viaggiando

Alla scoperte di professioni più o meno note che permettono di lavorare in posti sempre diversi

L'arte di lavorar viaggiando

Il sogno di ogni appassionato di viaggi: poco importa se si tratta di fare lo scrittore, lavorare su aerei di linea, studiare oppure vendere pietre preziose, l'importante è lavorare sempre in posti diversi a contatto con realtà sempre nuove e stimolanti per fuggire alla noia della scrivania. Perciò perché non scegliere un mestiere da globetrotter per avere sempre la valigia pronta? Scopriamo insieme quali professioni possono permetterci di essere sempre in tour.

  • Oltre al classico lavoro come assistente di volo, uno dei mestieri più “comuni” per chi ama lavorare viaggiando è senza dubbio quello di guida turistica. Non è necessario avere un preciso profilo di studio o lavorativo ma è fondamentale conoscere le lingue ed essere sempre disponibili a spostarsi. Trascorrerete le vostre giornate guidando i turisti attraverso una grande metropoli e piccoli villaggi: non dimenticate però che oltre alle lingue vi sarà fondamentale rispolverare storia e storia dell’arte: se siete appassionati, sarà solo un piccolo prezzo da pagare!
  • Ma c’è chi il lavoro da vagamondo se lo è anche inventato: è il caso di Johannes Volkner, classe 1982, originario di Hannover. Dopo un percorso universitario abbastanza tradizionale, Johannes resta affascinato dal Sud Africa: è proprio qui che inizia a coltivare l’idea di non tornare più a casa e di lavorare viaggiando. Resta affascinato dal libro “4 ore alla settimana. Ricchi e felici lavorando dieci volte meno” di Timothy Ferriss: decide così di investire nel proprio futuro dedicandosi allo studio del web marketing, proponendosi alle aziende come freelancer per aiutarle a promuovere i loro prodotti e servizi sulla rete. Oggi Johannes ha diversi clienti, lavora su Internet come freelance nel settore del marketing online e lavora online in giro per il mondo. Johannes non utilizza attrezzature particolari, il suo ufficio mobile è costituito semplicemente da un pc: così è cominciata una vita meravigliosa tra Stati Uniti, poi in Australia, Sud America, vivendo temporaneamente in città come Sydney, Buenos Aires e a Rio de Janeiro.
  • E che ne direste, invece, di diventare un moderno esploratore 2.0? E’ questa l’idea che ha lanciato Swiss Explorer, che negli scorsi mesi ha lanciato il concorso SWISS Explorer. Compito dei moderni esploratori sarà quello di visitare tra le 20 e le 26 destinazioni nel mondo e recensire i servizi e le offerte della compagnia aerea e i consigli di viaggio pubblicati sul suo sito. Inoltre l’esploratore o esploratrice dovrà scrivere brevi report di viaggio da pubblicare sul sito di Swiss Air Lines e dovrà pubblicare online e su Twitter foto e brevi video per tenere aggiornati gli utenti. Si può chiedere di meglio?
  • Siete invece appassionati della lingua inglese? Perché non provare a diventare Docente ESL (english as a second language), ovvero insegnare inglese come seconda lingua in ogni parte del mondo a persone la cui lingua madre non è l’inglese. Non serve conoscere l’inglese alla perfezione: sicuramente una buona conoscenza di base è essenziale, sia scritta che orale, ma non è richiesta una laurea  in lingue per trovare lavoro in questo campo. Le possibilità lavorative sono moltissime, soprattutto in Asia: trovare un lavoro in Corea per esempio, è la soluzione più semplice e in molti casi (tenendo in considerazione il costo della vita) anche la meglio pagata. Anche il Giappone, la Cina, la Thailandia e il Vietnam sono opzioni molto popolari e da considerare.
  • Infine, un lavoro che vi renderà non solo cittadini del mondo ma anche allo stesso tempo vi permetterà di fare del bene. Si tratta delle migliaia di ONG (Organizzazioni Non Governative) esistenti al mondo che, oltre a numerosi volontari, sono alla ricerca di diverse figure professionali come amministrativi, infermieri, medici, esperti di logistica e traduttori.

Non vi resta che l’imbarazzo della scelta e, come disse qualcuno, “Scegliete il lavoro che amate e non dovrete lavorare nemmeno un giorno nella vostra vita”.

L'arte di lavorar viaggiando Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 6 voti.
Articolo pubblicato il
L'arte di lavorar viaggiando
apri
Offerte di viaggio