Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

La medicina cinese

Yin e Yang, meridiani, agopuntura, cinque elementi: un viaggio millenario alla scoperta della medicina cinese, il sistema medico più antico al mondo

La medicina cinese
"Tutto è uno. Questa idea della dicotomia è profondamente sbagliata. E niente meglio di un grande simbolo asiatico, in questo caso cinese, questa ruota con lo Yin e lo Yang, rappresenta la vita, l'universo... è l'armonia degli opposti. Perché non c'è acqua senza fuoco, non c'è femminile senza maschile, non c'è notte senza giorno, non c'è sole senza luna, non c'è bene senza male. E questo segno dello Yin e dello Yang è perfetto. Perché il bianco e il nero si abbracciano. E all'interno del nero c'è un punto di bianco e all'interno del bianco c'è un punto di nero".

Lo scrittore Tiziano Terzani utilizza queste semplici parole per descrivere il simbolismo sotteso ai concetti di Yin e Yang, principi cardine della medicina cinese.

Qui, in Cina, in una terra lontana, geograficamente, concettualmente e spiritualmente dal pragmatico Occidente, la realtà si fonde con la fantasia, la medicina si ammanta di magia e, ogni giorno, si rinnova il più antico sistema medico al mondo. Fatto di rituali, pressioni corporee, erbe aromatiche e unguenti curativi che, da millenni, affascinano l'uomo e lo spingono a viaggiare in Oriente, alla scoperta di un mondo misterioso, ricco di fascino.

I 5 cereali: base della medicina cinese
La tradizione storica concorda nell'attribuire la nascita della medicina cinese nel 3000 a.C., grazie all'imperatore Shen Nong, il quale - per primo - sperimentò la coltivazione dei cinque cereali (frumento, grano, miglio giallo, riso, fagioli neri) e combinò l'uso di piante officinali per curare semplici malattie. Il primo trattato medico risale al 2650 a.C., redatto dall'imperatore Huangdi e raccoglie tutte le conoscenze filosofiche e culturali alla base della cultura cinese.

Antico testo che descrive i 9 aghi dell'agopuntura - I-III sec a. C.
La medicina cinese nasce dall'osservazione e dall'interpretazione dei fenomeni naturali. L'uomo, in quanto soggetto di natura, va studiato come elemento. Così, come al giorno segue la notte, alla luce il buio, così, per l'uomo, la giovinezza lascia il posto alla vecchiaia. Questo continuo alternarsi di fasi naturali, corrisponde allo Yin e Yang, due elementi contrapposti, ma complementari, che regolano il ritmo della vita. 

Il corpo umano, quindi, può essere suddiviso in termini di Yin e Yang: la parte bassa è Yin, quella alta è Yang, gli organi cavi sono Yang, quelli pieni e compatti sono Yin. Gli organi del corpo umano, inoltre, sono anche classificabili a seconda del colore e dei cinque elementi della natura: legno, fuoco, terra, metallo e acqua, corrispondono rispettivamente a fegato, cuore, stomaco, polmone e rene.
Le energie derivanti da Yin e Yang e la connessione con i cinque elementi generano i meridiani, i canali energetici del corpo.

La riflessologia e i punti di collegamento fra piante dei piedi e organi secondo la teoria dei meridiani
Per rimanere sempre in buona salute, trovarsi al centro tra cielo e terra, l'uomo deve godere di un'ottima combinazione di Yin e Yang: lo squilibrio, difatti, genera malattia. Questa concezione, tipicamente orientale, è generalmente accettata anche dalla medicina e biologia occidentali: se il corpo gode di un sistema immunitario efficiente, se la psiche è in armonia con il resto del corpo, difficilmente esso potrà essere attaccato da virus e batteri infettivi.

A differenza di ciò che avviene nella medicina occidentale, il medico cinese non effettua un'analisi del paziente: egli, al contrario, "esamina l'interno" del malato, attraverso i propri sensi, raccogliendo i dati sensoriali, valutando il colore della pelle e della lingua, palpando i polsi - i movimenti e le fluttuazione dello Yin  e Yang sono ricavabili dai polsi - si giunge a determinare lo squilibrio energetico.

Simbologia tradizionale del concetto di yin e yang
La terapia per ogni malattia, per ogni dolore, è il riequilibrio dello scompenso di Yin e Yang: agopuntura, moxibustione, farmacologia, dietetica, farmacopea, massaggi, Qi Gong e Tai Chi, meditazione, esercizi di rilassamento e respirazione, costituiscono le tecniche basilari per un sapiente benessere psicofisico.

Agopuntura: l'antica tecnica della medicina cinese tradizionale
Questa medicina atavica, millenaria, riscuote un enorme successo proprio perché, nel suo rigore, appare quasi rivoluzionaria, densa di pratiche "oscure", pregna di segreti tramandati di generazione in generazione.  
Nonostante la continua fioritura, in Occidente, di centri olicistici specializzati in medicina cinese, in tecniche agopunturistiche e in terapie del dolore, il fascino dell'Oriente conserva la sua allure di mistero e, ogni anno, richiama milioni di turisti, attratti non solo dalle meraviglie dei paesaggi cinesi ma anche affascinati dal potere delle erbe, degli unguenti e delle parole con cui si curano le malattie. 

Se anche voi siete attratti da questo mondo misterioso, se volete riequilibrare il vostro animo, "assaporando" magici elisir di lunga vita, non dovete far altro che dirigervi in Cina: un tutt'uno con l'Universo, sotto il cielo d'Oriente.
La medicina cinese Valutazione: 4.92 su 5 Basato su 12 voti.
Articolo pubblicato il
La medicina cinese
apri
Offerte di viaggio