Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

La Cisterna Basilica di Istanbul

Se organizzate un viaggio ad Istanbul, la Basilica Cisterna, voluta da Giustiniano, è un luogo "sotterraneo", misterioso e affascinante da visitare

La Cisterna Basilica di Istanbul

A Istanbul, nel quartiere della Sultanahmet - la Moschea Blu - a pochi passi da Santa Sofia, c'è un mondo sotterraneo incredibilmente affascinante e questo prende il nome di Cisterna Basilica, in turco Yerebatan Sarayi che significa "il palazzo sommerso".

Si tratta di un luogo misterioso che vale la pena di visitare sia per la straordinaria scenografia, sia per la maestosa imponenza. La Cisterna Basilica é stata usata anche come set di un film di James Bond, più precisamente nel film "Dalla Russia con amore" del 1963.


La storia


La Cisterna Basilica rappresenta una delle grandi opere commissionate dall'Imperatore Giustiniano nel 532. La simmetria dell'insieme la grandiosità del progetto sono tali da togliere il fiato, e l'immenso ambiente sotterraneo é un fantastico rifugio con un'atmosfera magica.

Egli fece convertire la basilica romana in una grande Cisterna, e testi storici affermano che settemila schiavi furono coinvolti nella sua costruzione. L'imponente edificio ha numeri davvero impressionanti: 336 colonne con capitelli e pietre scolpite, divisi in 12 file da 28 ciascuna, 140 metri di lunghezza, 70 di larghezza, capace di contenere 80000 metri cubi d'acqua.


Era utilizzato come deposito delle acque di Istanbul durante l'epoca bizantina e in seguito garantiva l'approvvigionamento idrico per il Palazzo Topkapi.

Una delle affascinanti teste di medusa, capolavori d'arte romana su cui poggiano alcune colonne della Cisterna di IstanbulLe colonne hanno stile e forme diverse perché provengono da vari templi: oltre quelle corinzie, ce ne sono altre scolpite con noduli, occhi e lacrime e a forma di tronco d'albero. Le più affascinanti sono quelle poggiate sulla testa di Medusa, una di profilo e una capovolta.

La testa di Medusa  fu poggiata  in due posizioni differenti, perché si credeva che guardare agli occhi di Medusa nella posizione normale avrebbe pietrificato chi l'avesse guardata.

Le due teste di Medusa sono capolavori d'arte romana.

Grazie alla particolare illuminazione, l'atmosfera del luogo è davvero straordinaria e le colonne di marmo sembrano sospese sull'acqua.


La scoperta  della Cisterna Basilica


Come la maggior parte dei siti interessanti di Istanbul, la Cisterna ha alle spalle una storia pittoresca. Conosciuta a Bisanzio come Cisterna Basilica, perché situata sotto la Stoa' Basilica, una delle grandi piazze sul primo colle della città, era utilizzata per immagazzinare l'acqua destinata al Gran Palazzo e agli edifici circostanti. La Cisterna come già accennato, era in grado di contenere 80000 metri cubi d'acqua, convogliata dal Mar Nero attraverso un acquedotto di 20 km. Quando gli imperatori bizantini abbandonarono il Gran Palazzo, la cisterna cadde in disuso e fu chiusa.

Dimenticata dalle autorità locali, qualche tempo prima della conquista ottomana, fu riscoperta nel 1545 dallo studioso Petrus Gyllius,  il quale, mentre era alla ricerca di antichità bizantine, apprese dalla gente del posto che semplicemente calando secchi sotto il pavimento della cantina li ritiravano su miracolosamente pieni d'acqua.

Le carpe tanto amate dai turisti che nuotano nell'acqua della Cisterna di IstanbulCon lo stesso sistema alcuni pescavano persino dei pesci. Incuriosito, Gyllius esplorò il quartiere e scoprì una casa dalla cui cantina riuscì a scendere fino alla Cisterna.

Tuttavia, anche dopo la scoperta, gli Ottomani (che chiamavano la cisterna Yerebatan Sarayi) non trattarono il cosiddetto "palazzo sotterraneo" con il rispetto che avrebbe meritato, tanto da arrivare a utilizzarlo come discarica per ogni sorta di rifiuti, compresi i cadaveri.

La Cisterna  fu pulita e restaurata nel 1985 dalla municipalità  di Istanbul e aperta al pubblico nel 1987.

Oggi è uno dei luoghi più amati dai turisti, che possono visitarla camminando su passerelle in legno, mentre dal soffitto cadono gocce d'acqua e spettrali branchi di carpe pattugliano il sito.


Cisterna Istanbul: orari e prezzi


Per informazioni  sulla Cisterna Basilica consultare il sito www.yarebatan.com. Il biglietto  d'ingresso costa 10€ e gli orari per visitarla sono i seguenti: mar-dom 09,00/18.00 .

La luce crepuscolare e i giochi dei riflessi sull'acqua rendono davvero magica l'atmosfera. Il luogo è ideale anche per scattare delle foto suggestive, é quindi consigliabile portare con sé macchina fotografica e smartphone. Non resta che approfittare e visitarla!

                                                                                                                                                                  Foto: Antonia Cipollaro
La Cisterna Basilica di Istanbul Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
La Cisterna Basilica di Istanbul
apri
Offerte di viaggio