Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

L'appartamento spagnolo

A Barcellona per visitare i luoghi del film di Klapisch che mostra un futuro che è già quasi realtà, quella di una Europa cosmopolita e vivibile

L'appartamento spagnolo

Nel 2002 il regista Cédric Klapisch portò sul grande schermo una pellicola molto divertente, dai risvolti, però, profondi, L'appartamento spagnolo, che affronta e descrive una delle esperienze più straordinarie che uno studente universitario possa vivere, quella dell'erasmus.

Il protagonista Xavier è, infatti, uno studente francese venticinquenne di economia che prima di entrare nel mondo del lavoro ottiene la possibilità di passare un periodo di tempo in erasmus a Barcellona. Qui vivrà in un appartamento con altri ragazzi della sua età (un danese, un tedesco, un italiano, una inglese, una belga e una catalana) le cui storie, diversità - soprattutto linguistiche - e sogni si mischieranno, cambiandone il modo di vedere e di sentire la vita.

La storia mostra, inoltre, non solo la quotidianità dei protagonisti, ma anche quella della città, Barcellona, che vive attraverso la pellicola. I luoghi attraverso cui si muove Xavier, infatti, sono tra i più famosi della località catalana. Come il Parc Guell, il parco pubblico dove Xavier passeggia con Anna-Sophie, costruito dall'architetto Antoni Gaudì, che nelle sue intenzioni voleva creare una città giardino e che fa parte dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco, o la Sagrada Familia, basilica cattolica dove il protagonista visita le torri, costruita dallo stesso Gaudì e che è uno dei monumenti più visitati dai turisti ogni anno, data la sua bellezza.

O ancora il MACBA, il museo di arte contemporanea di Barcellona, nel quartiere El Raval, dove sono conservate ed esposte opere del XX secolo che Xavier visita durante il suo soggiorno spagnolo. Ma i luoghi mostrati di Barcellona non sono solo quelli famosi, importanti.

Anzi, la pellicola mostra il lato più cosmopolita della città spagnola, che passa anche e sopratutto per la Barcellona comune, fatta di strade anonime, bar, locali, piazze, università, dove si incontrano i giovani protagonisti che, superando le loro differenze culturali, mostrano un'Europa comunicativa che è reale e che funziona.

Un'Europa da visitare e da amare.

L'appartamento spagnolo Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 5 voti.
Articolo pubblicato il
Autore: Antonio Aveta
L'appartamento spagnolo
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio