Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Internet in quota: la banda larga sui voli europei

La banda larga sugli aerei europei non è più un miraggio: firmato l'accordo tra Inmarsat e Deutsche Telecom

Internet in quota: la banda larga sui voli europei

Foto: www.buonenotizie.it

Navigare su internet e vedere film in streaming in aereo vi sembra fantascienza? Invece è realtà grazie all’accordo firmato poche ore fa tra Inmarsat e Deutsche Telecom per la fornitura della banda larga a bordo degli aerei sulle tratte europee.

Mentre negli Stati Uniti e in altri Paesi questo limite è stato superato già da diverso tempo grazie agli accordi interconnessi tra le compagnie interessate, l’Europa impediva ancora ai suoi passeggeri di poter utilizzare i dispositivi mobili per il lavoro e per lo svago durante i voli all’interno del territorio continentale.

Questo digital divide in alta quota rappresentava un grosso limite per la fruizione smart dei servizi aerei: diverse indagini di mercato hanno evidenziato come la clientela business abbia iniziato a preferire gli spostamenti in treno proprio per poter continuare a utilizzare i servizi di connessione.

 

L’accordo

Il fornitore del servizio satellitare Inmarsat e la compagnia telefonica Deutsche Telecom hanno posto le prime basi dell’accordo per la fornitura di un servizio di connessione misto satellitare /LTE in quota, allo scopo dichiarato di coprire interamente l’intero territorio continentale per le connessioni a bordo degli aerei.

Per l’attuazione e la messa in servizio della connessione in quota ancora ci vorrà del tempo, ma sono stati approntati i primi accorgimenti da effettuare per poter garantire la corretta copertura. Infatti, è stato previsto l’adeguamento degli oltre 300 siti LTE già disponibili sul territorio europeo che, in vista di un funzionamento in quota, dovrebbero espandere il loro raggio fino a 80 km. In questo modo, stando ai tecnici interpellati, la connettività dovrebbe essere garantita fino alla quota massima di 10.000 piedi d’altezza, circa 3.000 metri.

 

I primi riscontri nel 2017

Nonostante l’accordo sia stato raggiunto, com’era prevedibile mancano le infrastrutture e gli adeguamenti, per questo motivo prima di qualche anno non sarà possibile comunque sfruttare la connettività in aereo.

Il primo vettore a sperimentare le connessioni in alta quota sarà il tedesco Lufthansa, che a partire dal 2017 renderà disponibile la tecnologia su tutti i suoi aeromobili sulle rotte europee. Nel caso in cui l’esperimento dovesse riscuotere il giusto successo, allora anche le altre compagnie seguiranno a ruota l’esempio tedesco ed entro il 2020 anche l’Europa potrà essere connessa durante le tratte aeree.

 

Servizi e prezzi

La notizia è stata accolta con grande entusiasmo dai viaggiatori più frequenti e da chi, per diversi motivi, non può stare troppo tempo "disconnesso". Che si tratti di vedere un film in streaming, scaricare le mail o fare video-conferenze, grazie alla connessione satellitare/LTE tutto questo sarà possibile anche in volo, anche se ancora non sono stati riferiti i prezzi per sfruttare questo servizio.

È impossibile prevedere quali possano essere le strategie delle compagnie aeree in merito ai prezzi, non resta che aspettare il 2017 e capire in che modo la connessione in alta quota potrà migliorare o meno il modo di viaggiare.

Navigare su internet mentre si vola nei cieli d’Europa è un sogno che diventa realtà: a voi piacerebbe essere continuamente connessi o preferite staccare tutto almeno durante le ore di viaggio, per godervi il panorama e un po’ di relax?

Internet in quota: la banda larga sui voli europei Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 3 voti.
Articolo pubblicato il
Internet in quota: la banda larga sui voli europei
apri
Offerte di viaggio