Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

In tour fra i castelli della Loira

Un tour nella regione più spettacolare della Francia: per sentirsi re e regine, anche solo per un giorno, alla scoperta dei Castelli della Loira

In tour fra i castelli della Loira
In un luogo incantato, in uno scenario mozzafiato, tra Maine e Loira e Sully-sur-Loire, si estende il Giardino di Francia, la Culla della Lingua Francese: la Valle della Loira.

Dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 2000, la regione della Loira, bagnata dal fiume omonimoaffascina i visitatori per la duplicità di scenari che essa offre: da un lato, città e villaggi pittoreschi; dall'altro, castelli, dimore storiche, residenze private immerse in una natura lussureggiante.

La zona vanta circa 300 castelli, molti dei quali sorti già nel X secolo come semplici fortificazioni, che con il tempo, si sono arricchite fino a diventare le maestose residenze della nobiltà francese, piccoli possidenti terrieri e borghesi.

Con l'ascesa al trono di Francesco I, prima, e con Luigi XIV poi, il centro del potere fu spostato a Parigi: con la costruzione della Reggia di Versailles, con il re sempre più spesso nella Capitale, l'aristocrazia abbandonò la vita quotidiana della campagna, lasciò la regione della Loira, per tornarvi solo per le battute di caccia e nei periodi estivi.

Nonostante le razzie di terreni e la distruzioni di alcuni castelli durante la Rivoluzione Francese, queste antiche dimore si sono mantenute in perfetto stato fino ad oggi, rendendole mete ambite soprattutto per i turisti appassionati d'arte e di storia antica.

Catello di Chaumont, Chaumont-sur-Loire  - Loir-et-Cher

Il Castello di Chaumont circondato dal suo splendido giardino

Il nostro viaggio on the road attraverso i più bei castelli della Loira inzia dal Castello di Chaumont nel dipartimento Loir-et-Cher. Questo chateau, raso al suolo da Luigi XI, fu ricostruito da Carlo d'Amboise. Di proprietà di Caterina de' Medici dopo la morte del consorte, il castello ospitò personalità eccellenti, tra cui il celebre Nostradamus, consigliere privato della regina. Il parco, pieno di piante e fiori rari, ideato da Henri Duchene, ospita il Festival Internazionale dei Giardini che, da fine aprile a metà ottobre, richiama migliaia di turisti alla scoperta della visione paesaggistica del mondo. 


Castello di Chambord, Chambord - Loir-et-Cher

Il magnifico Castello di Chambord al tramonto

Proseguendo lungo il corso della Loira in direzione ovest incontriamo il Castello di Chambord: vi conquisterà al primo sguardo. Nato dall'estro di Francesco I e di Leonardo da Vinci, questo imponente castello che sorge su una curva del fiume Cosson, affluente della Loira, è il più vasto di quelli sulla Loira. In stile rinascimentale, con pianta a croce greca, ha una facciata lunga più di 130 metri,  440 stanze ed un tripudio di torri, torrette, guglie, camini e abbaini. Oltre all'impressionante ricchezza interna, fatta di tesori, quadri, arazzi e armature, all'esterno c'è un sentiero che si addentra nella foresta in cui cervi e cinghiali vivono in libertà.


Castello di Amboise, Amboise - Indre-et-Loire

Il Castello di Amboise illuminato dalle luci della notte
Entriamo quindi nel dipartimento dell'Indre e Loira. Il primo castello che incontriamo è il Castello Reale di Amboise. Affacciato sulla Loira, fu costruito tra il 1491 e il 1495, segnando il passaggio dallo stile gotico a quello rinascimentale. Culla del Rinascimento francese, Amboise ha dato i natali a Carlo VIII, è stato residenza dell'imperatore Carlo V, ha ospitato Filippo V di Spagna e conserva, nella Cappella di St. Hubert,  le spoglie mortali di Leonardo da Vinci. Con i suoi bastioni e le torri imponenti, con il suo intricato dedalo di sentieri e siepi, Amboise rapisce per la bellezza del paesaggio circostante.


Castello di Chenonceau, Chenonceaux - Indre-et-Loire

L'imponente Castello di Chenonceau che si specchia nella Loira

Teatro di dispute feroci tra le donne più famose dell'epoca, Caterina de' Medici e Diane de Poitiers, Chenonceau è il secondo castello più visitato di Francia, dopo Versailles. Situato nei pressi dell'omonima città, si deve a Diane, l'amante di Enrico II, l'attuale struttura del complesso, con la realizzazione del ponte sul fiume e la sistemazione degli argini lungo il corso d'acqua. Caterina, invece, dopo aver scacciato la rivale, prese possesso del castello, vi stabilì la sua dimora reale e continuò ad abbellirlo con giardini rigogliosi e passeggi lungo il fiume.


Castello di Villandry, Villandry - Indre-et-Loire

Il Castello di Villandry e il suo splendido giardino all'inglese

Il prossimo castello è il Castello di Villandry. Quello che colpisce qui sono i rigogliosi giardini: uno spettacolo di radure erbose, giardini all'inglese, fiori, alberi da frutto  di tutti i tipi. Imperdibile la visita al giardino decorativo: scisso geometricamente in due parti, da un lato rappresenta l'esaltazione dell'amore puro, dolce, cortese ma anche tragico, dolente e fugace; dall'altro, invece, è tutto incentrato sulla musica che fa muovere il mondo e battere i cuori.


Castello di Azay-le-Rideau, Azay-le-Rideau - Indre-et-Loire

Il Castello di Azay-le-Rideau sul fiume Indre

"Un diamante sfaccettato incastonato nell'Indre". Questa è la definizione che Honorè de Balzac fornisce di Azay-le-Rideau. Di piccole dimensioni, con le facciate quadrate e le torrette pensili, questo castello sembra completamente adagiato sul fiume Indre. La porta d'ngresso con volte ad archi è in stile romano, mentre la monumentale scala a tre piani a rampe rettilinee corre attraverso finestre e vetrate. All'interno è tutto un susseguirsi di colonne, pilastri, arazzi fiamminghi e camere decorate con elementi rinascimentali.


Castello di Ussé, Ussé - Indre-et-Loire

Ussé. il Castello della Bella Addormentata nel Bosco

Il nostro fiabesco tour si chiude pochi chilometri più avanti, con Ussé, il castello de La Bella Addormentata nel Bosco che, pare, ispirò Charles Perrault nella descrizione del castello della bella principessa della fiaba. Di dimensioni modeste rispetto agli altri, è nato dalla fusione di due castelli più piccoli. L'interno di Ussé è ricco di collezioni:armi, arazzi, mobili d'epoca. Gli ampi corridoi attraversati da finestre alte più di un metro, si affacciano sui rigogliosi giardini terrazzati.

La bellezza e la poesia di questi castelli non può essere semplicemente raccontata. Va vissuta, toccata con mano. Quando attraverseremo le sale d'armi, con le vetrate a specchio e gli arazzi finemente intrecciati, quando vedremo il sole tramontare sulla Loira e tingere di rosa e arancione l'ambiente circostante e sentirci principi e principesse per un giorno, allora sì che il nostro viaggio avrà raggiunto il suo scopo.

In tour fra i castelli della Loira Valutazione: 4.95 su 5 Basato su 20 voti.
Articolo pubblicato il
In tour fra i castelli della Loira
apri
Offerte di viaggio