Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

In giro per il mondo tra i parchi letterari

A spasso fra le pagine dei testi letterari nei principali parchi tematici del mondo

In giro per il mondo tra i parchi letterari

Da Disneyland al nostrano Gardaland, i parchi divertimento sono ormai un must e vere e nuove mete per un viaggio breve e spensierato: immensi paesi dei balocchi dove i più grandi possono tornare bambini senza vergognarsi di urlare dalla cima di ripide montagne russe mentre i più piccini, persi nel mondo della fantasia, osserveranno basiti i loro accompagnatori agés. Negli ultimi anni, tuttavia, hanno preso il largo delle nuove forme di parchi di divertimenti che, oltra alla gioia di spettacoli e giostre da capogiro, offrono ai visitatori la possibilità di entrare nel mondo fantastico dei personaggi dei loro libri preferiti: i parchi letterari; dando così delle interessanti alternative ai classici luoghi per gli amanti dei libri.

Il fiabesco Wizarding World di Harry Potter illuminato da luci colorate

Uno dei parchi letterari più conosciuti è senza dubbio Wizarding World of Harry Potter, situato all’interno di un altro parco, l’Islands of Adventure, nell’area di Orlando (Florida) già sede di Disney World. Nel parco sono riprodotti i principali luoghi della saga: Hogwarts, Hogsmeade e la Foresta Proibita. Questo luogo fatato vi darà la possibilità di essere Harry o Ermione per un giorno balzando da una magia all’altra. Tra le sue attrazioni principali il Dragon Challenge: un doppio ottovolante da  brivido che ricorda la prima prova del Torneo Tremaghi di Harry Potter e il calice di fuoco. La sua singolarità? La sensazione di impattare contro l’altro trenino che corre frontalmente.

Per gli amanti della letteratura un po’ più datata e delle atmosfere lente e rilassanti, il parco di Gulliver in quel di Valencia è l’ideale: è situato nell’antico letto del fiume Turia (Giardini del Turia) nelle vicinanze della città delle arti e delle scienze, tra il “puente del Reino” e il “Puente del Àngel Custodio". In questo parco troviamo una rappresentazione in grande scala del gigante Gulliver: i suoi vestiti e i suoi capelli, tuttavia, non sono semplici “dettagli” ma formano rampe, scivoli e scale con le quali i bimbi possono divertirsi e giocare come fossero tanti "lillipuziani". Per gli adulti un’ ottima occasione per godersi del sano relax in questa piccola oasi di pace cittadina.

La grande statua di Gulliver nel parco di Valencia: ha scale al posto dei polpacci

E’ invece fresco di apertura un altro parco letterario europeo dedicato ad un libro senza tempo e senza età che ha conquistato generazioni: il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry. Si trova in Francia, a Ungersheim, vicino al confine con la Germania. Ha aperto lo scorso 1 luglio 2014 e si espande per 24 ettari: il parco viene definito "il primo parco aereo", probabilmente per via delle sue due attrazioni principali, due grandi mongolfiere ferme al terreno che permettono ai visitatori di vedere il paesaggio montuoso dei Vosgi e dell'Alsazia da 150 metri d'altezza; anche il bar del parco è sospeso a 35 metri dal suolo.  E ancora è presente un cinema 3D, un planetarium, un roseto, la serra delle farfalle, un labirinto, e decine di giostre diverse. A celebrare la figura dell’autore anche un biplano come quello col quale scomparve nel 1944, precipitando nel Mar Tirreno nel pieno della Seconda Guerra Mondiale.

Ma anche la nostra penisola non sembra essere da meno. E da patria di santi, poeti e navigatori qual è di certo non poteva essersi sottratta al fascino di questo tipo di parchi.  Primo fra tutti è il parco letterario dedicato a Pinocchio, il burattino di legno nato dalla penna di Carlo Collodi che ha incantato generazioni dal 1956. Si estende nella frazione di Collodi (Pescia, Pistoia) ed oltre 7 milioni di visitatori da tutto il mondo lo hanno esplorato saltellando dalla bocca della balena fino alla casa della Fata Turchina, passando per il laboratorio di Geppetto e le furberie del Gatto e la Volpe.  Insieme a queste attrazioni classiche si sono aggiunti negli anni il Museo di Pinocchio con le sue sorprendenti mostre di collezioni oppure di opere d'arte o d'illustrazione, di costumi e scenografie teatrali dedicate al burattino; la Biblioteca Virtuale di Pinocchio, dove col tocco della mano su un grande schermo potrete scoprire mille facce e mille traduzioni di Pinocchio dal mondo; e poi ancora gli spettacoli dei cantastorie, i giochi artistici o di movimento, le giostre antiche che, insieme ai visitatori, fanno rivivere ogni giorno la magia del burattino che voleva diventare un bambino vero.

La terribile balena di Pinocchio

E allora perché non regredire felicemente all’età delle favole? Scegliete un “c’era una volta” e…partite!

In giro per il mondo tra i parchi letterari Valutazione: 4.88 su 5 Basato su 8 voti.
Articolo pubblicato il
In giro per il mondo tra i parchi letterari
apri
Offerte di viaggio