Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Il triangolo della magia nera: Torino, Londra e San Francisco

Alla scoperta del triangolo della magia nera: Torino, Londra e San Francisco, tre città misteriose e ricche di segreti, teatri di occultismo e omicidi efferati

Il triangolo della magia nera: Torino, Londra e San Francisco

photo credit: Torino, la nebbia in Piazza Castello via photopin (license)

Tempo di Halloween, tempo di misteri in giro per il mondo. Macabri, allegorici, spaventosi ed enigmatici, alcuni racconti fanno drizzare davvero i capelli in testa.

La leggenda che coinvolge Torino, Londra e San Francisco è una delle più note e affascinanti. Definite il triangolo della magia nera, le tre città, appaiono legate da un sottilissimo fil rouge fatto di sangue, occultismo e simboli esoterici.



Offerte Londra



Torino

Partiamo dalla imperscrutabile e algida Torino. Secondo la scuola d’esoterismo più accreditata al mondo, Torino sarebbe una cosiddetta “città di frontiera”, l’unica a far parte sia del triangolo della magia bianca (insieme a Praga e a Lione) sia di quello di magia nera, con Londra e San Francisco, per l’appunto. Agli appassionati di questo settore, infatti, non sfuggirà il fatto che Torino abbia ospitato Nostradamus ma anche personalità eccelse delle arti occulte quali Fulcanelli, il Conte di Saint Germain, Cagliostro e Paracelso. Una leggenda, infatti, sostiene che chi abbia poteri divinatori e pratichi l’occultismo debba recarsi a Torino per omaggiare il “Grande Vecchio”, una sorta di premonitore, dominatore dei segreti dell’universo intero, che risiederebbe in collina.

Magica, quasi sospesa tra il bene e il male: chiunque visiti Torino, infatti, non può certo restare indifferente alle suggestioni di un luogo quasi ultraterreno. Una città malinconica e distaccata che ospita un numero indescrivibile di tombe ai piedi e sulla sommità della collina di Superga, oltre alla miriade di targhe e incisioni disposte nel Parco della Rimembranza per rendere omaggio ai defunti; persino la luce del faro della Maddalena è un atto di ossequio al mondo ultraterreno.  

Per i maestri dell’esoterismo, Torino vivrebbe una lotta perenne tra la luce e le tenebre come testimoniano anche le sue piazze e gli edifici più rappresentativi: mentre il cuore della magia bianca si collocherebbe presso la fontana dei Tritoni dietro Piazza Castello, l’epicentro della magia nera si troverebbe in piazza Statuto da dove, pare, si spalanchino le porte dell’Inferno. Agghiacciante, non è vero?

Piazza Statuto a Torino photo credit: IMG_9745 via photopin (license)


Ma i torinesi, non sembrano più nemmeno farci caso: miti e rituali esoterici farebbero parte del suo dna. La città ospita anche la Sacra Sindone, conosciuta nel mondo anglosassone con il nome di “The Turin’s Man”. Ci siamo mai chiesti perché questa denominazione così stramba? Se la Sindone rappresenterebbe per la maggior parte dei cattolici il sudario con cui fu avvolto il Cristo dopo la morte, perché non utilizzare un nome più consono rispetto a “l’uomo di Torino”? In realtà, alcuni credono che il Santo Redentore sia legato inscindibilmente al capoluogo piemontese tanto da poter essere considerato un suo concittadino. Un altro mistero che si aggiunge dunque ai tanti irrisolti che aleggiano sulla città.


Londra

Lasciata l’esoterica Torino, voliamo in Gran Bretagna per scoprire gli arcani della sua eclettica capitale. Londra, la magnifica città del London Eye e di Buckingman Palace, è anche il teatro della raccapricciante scia di sangue lasciata dietro di sé dal padre di tutti i serial killers mondiali: Jack The Ripper o Jack lo Squartatore. Chi non ha mai rabbrividito al pensiero di trovarsi faccia a faccia con lo spietato e macabro assassino di Whitechapel?

Più che per l’elevato numero delle sue vittime – cinque sono quelle accreditate ufficialmente mentre altre sei sono solo probabilmente riconducibili allo Squartatore – ciò che sconcerta del criminale, è la modalità degli omicidi: dopo aver immobilizzato le sue vittime, esclusivamente prostitute abbordate nei quartieri più malfamati, prima le sgozzava e poi infieriva sui corpi già straziati, arrivando ad asportarne gli organi interni.

Inoltre, se ciò non fosse ancora abbastanza, si narra che vaghi tra le vie di Londra uno spirito inquieto. Il luogo dov’è possibile imbattersi nel fantasma? La superaffollata metropolitana di Londra. Eh sì, pare che anche gli spettri si siano evoluti e non volteggino solo in polverosi e dimenticati castelli, ma anche nei centri molto frequentati, provando a spaventare i viandanti a morte.


Nebbia a Londra"Westminster fog - London - UK" by George Tsiagalakis - Own work. Licensed under GFDL via Commons.


Ma sapete un ulteriore motivo per cui Londra è considerata uno dei vertici del triangolo della magia nera? Ve lo sveliamo subito: grazie alle sue importanti librerie esoteriche, vere e proprie officine di rituali stregati millenari. Tra le più rinomate c'è l’Atlantis Bookshop che custodisce la poltrona preferita di Aleister Croley, uno dei più famosi maghi d’epoca moderna. Senza dimenticare la Treadwell's Bookshop e la Watkins Bookshop, forse la più antica specializzata in questo campo.


San Francisco

Il nostro tour da brivido termina con un viaggio negli Stati Uniti, a San Francisco per la precisione. La città, infatti, è tristemente balzata agli onori della cronaca quando, dal 1968 al 1974, si verificò una straordinaria serie di efferati omicidi, riconducibili a un assassino che si firmava semplicemente Zodiac. 

Come già avvenuto a Londra per Jack lo Squartatore, anche il californiano Zodiac si è reso colpevole di cinque omicidi accertati più una serie di aggressioni non del tutto confermate. Ciò che accomuna i due serial killer, oltre all’ineffabile scia di morte, è il farsi anche beffe delle forze di polizia incaricate di indagare sul caso.

A differenza del killer londinese, però, Zodiac non uccideva solo prostitute, ma sceglieva senza un criterio preciso le proprie vittime e, di volta in volta, cambiava anche le modalità di esecuzione, passando indifferentemente da armi bianche a fucili da caccia.
Sebbene, nel corso degli anni, molte persone siano state identificate come Zodiac, solo su Arthur Leigh Allen la scientifica indagò in modo serio e continuo. Ma il mistero di Zodiac resta ancora oggi irrisolto.

Golden Gate San Francisco


Forse, queste saranno solo semplici storie, destinate a incutere timore in quelli tra di noi più facilmente impressionabili. Torino, Londra e San Francisco, probabilmente, non saranno i nuovi regni del terrore e non rappresenteranno il temibile triangolo della magia nera. Eppure, quell’aura di fascino impenetrabile che pare aleggiare su di loro, le rende il palcoscenico ideale per dar fiato a misteri e leggende legati all’occultismo.

Il triangolo della magia nera: Torino, Londra e San Francisco Valutazione: 4.64 su 5 Basato su 14 voti.
Articolo pubblicato il
Il triangolo della magia nera: Torino, Londra e San Francisco
apri
Offerte di viaggio