Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Il cous cous, tra sapore e ospitalità

Oltre ad essere una ottimo piatto, vi permette di cucinare porzioni abbondanti per molti ospiti mantenendo tutti i suoi sapori originali

Il cous cous, tra sapore e ospitalità


Si rimane sempre affascinati da come una semplice pietanza possa racchiudere molteplici rappresentazioni di una cultura. Nel Maghreb, vale a dire Algeria, Tunisia e Marcocco,  diffusissimo è il cous cous. Ne esistono diverse versioni a seconda dei gusti e dei luoghi, ma la peculiarità universale è che questo piatto viene posizionato in un grosso vassoio, al centro della tavola dove tutti i commensali si possono servire in maniera autonoma. È una prelibatezza culinaria che crea condivisione, fiducia nell’altro (che si spera si sia lavato le mani!) e partecipazione. Non si tratta solo di cucina, ma di cultura.

Solitamente il cous cous viene preparato a vapore nell’apposita cuscussiera composta da due casseruole: una nella quale viene cotto lo stufato o brodo, e la parte superiore nella quale viene cotto il cous cous con il vapore della pentola sottostante. Immaginatevi che sapori!

Lo stufato o brodo può essere di pollo o agnello, insieme a verdure di ogni genere come zucchine, melanzane, carote, cipolla, patate, piselli anche i legumi. È un piatto che per la sua eterogeneità può essere cucinato per chiunque, vegetariani compresi, e quindi facilmente  adattabile ad ogni ospite. Ovviamente non possono mancare le spezie quali coriandolo, zafferano, pepe, prezzemolo, paprika e peperoncino; queste regaleranno a questo piatto un sapore intenso, gustoso che ricorda sapori lontani.

Il cous cous prima di essere cotto nell’apposita pentola deve essere trattato manualmente con l’acqua fredda, per sgranarlo. Purtroppo, nell’epoca del “mordi e fuggi”, non siamo più abituati a dedicarci alla cucina di un cibo così, a lavorarlo con le mani, ma la sensazione che vi lascerà non vi deluderà. Sarà come tornare un po’ bambini, con i tempi più dilatati e intensi.

Dopodiché bisogna appoggiare la parte superiore della cuscusseria a quella inferiore e il vapore farà il suo lavoro di ammorbidire lentamente quei piccoli granelli di semola. Una volta pronto, devono essere aggiunti dei fiocchetti di burro che amalgameranno il cous cous, poi si deve disporre su un grande piatto poggiando al centro lo stufato. Sprigionerà un profumo così intenso e delicato allo stesso tempo che nessun ospite potrà tirarsi indietro!

Il cous cous, tra sapore e ospitalità Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 1 voti.
Articolo pubblicato il
Il cous cous, tra sapore e ospitalità
apri
Offerte di viaggio