Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

I luoghi di Midnight in Paris

Passeggiando per Parigi, attraverso i luoghi scelti da Woody Allen per il suo film Midnight in Paris

I luoghi di Midnight in Paris
                                                                                                                                                     Foto di Simona Gemelli

Accendete lo stereo e immaginate sia un vecchio giradischi, mettete su “Si tu vois ma mère” di Sidney Bechete e sarete pronti ad addentrarvi nella Ville Lumière. Una Parigi inedita è quella descritta da Woody Allen nel suo film Midnight in Paris, dove i sogni, scoccata la mezzanotte, diventano realtà.

Per rivivere i magici luoghi mostrati dalla fortunata pellicola, si può gironzolare tra i banchi del mercatino delle pulci di Saint-Ouen che ogni sabato, domenica e lunedì, accoglie milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo.

Proseguendo la passeggiata si arriva al Pont Alexandre III, uno dei ponti più famosi di Parigi, che collega il Grand Palais e il Petit Palais all'Hôtel des Invalide. Superato il Louvre si prosegue sul lungosenna, arrivando al Pont Marie dove già si intravedono le Bouquinistes, quelle grosse scatole di metallo che a una certa ora del giorno si schiudono e vendono libri antichi e usati.

Rimanendo in tema di libri un altro luogo imperdibile che compare nel girovagare di Gil, il protagonista del film, è la libreria Shakespeare & Company. Una storica omonima libreria fu fondata nel ‘19 da Sylvia Beach, la prima a stampare l'Ulisse di Joyce e si trovava nel V arrondissement, sulla Rive gauche. Era un vero e proprio santuario letterario, punto d’incontro di scrittori come lo stesso Joyce, Gertrude Stein, Ezra Pound, Ernest Hemingway, F. Scott Fitzgerald. Venne chiusa nel ‘41 per l'occupazione di Parigi durante la Seconda guerra mondiale. Poi nel ’51 ne venne aperta un’altra con lo stesso nome in rue de la Bûcherie, vicino Place St.Michel, da George Whitman. La libreria, ora gestita da sua figlia, è ancora oggi un luogo molto visitato e amato. Al primo piano tra i vecchi libri si trova una scritta ormai diventata il motto della libreria: “Be not inhospitable to strangers, lest they be angels in disguise” ovvero “Non essere inospitale con gli stranieri, potrebbero essere angeli mascherati”.

Poco distante dalla libreria ci addentriamo nel cuore latino di Parigi e anche nel clou del film: ci troviamo infatti vicino al Panthéon, nei pressi dell'Église Saint-Étienne-du-Mont, in rue Montagne Sainte-Geneviève, dove ogni sera a mezzanotte la città si trasforma e tutto ciò che “era” diventa tangibile, Ernest Hemingway e Pablo Picasso compresi.

Unica nota dolente di tutto il film è la conclusione. Non perché sia deludente ma solo perché fa cessare prepotentemente l’incanto un po’ bohemienne di chi non vorrebbe mai smettere di sognare.

I luoghi di Midnight in Paris Valutazione: 4.80 su 5 Basato su 5 voti.
Articolo pubblicato il
I luoghi di Midnight in Paris
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio