Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Grossmunster: il Duomo di Zurigo

Chiesa simbolo della ridente metropoli elvetica, con le sue due torri, il Duomo di Zurigo rappresenta una delle attrazioni turistiche più apprezzate

Grossmunster: il Duomo di Zurigo
                                                                                                                                                                                     By Roland zh (Own work) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Zurigo 
è una città viva, sempre in fermento, dove ordine, efficienza e puntualità la fanno da padrone in ogni aspetto della quotidianità. Paradiso dello shopping, oasi del lusso e della cultura, è una piccola metropoli, la più vivace di tutta la Svizzera.

Famosa per l'ottima qualità della vita, con una realtà fortemente legata alla storia ma allo stesso tempo sempre aperta alle novità, anche il semplice viaggiatore può goderne la fantastica atmosfera, tra cioccolaterie, birrerie, ristoranti, shopping e passeggiate in riva al lago.

Tra angoli suggestivi e scorci mozzafiato, Grossmünster è senza ombra di dubbio una delle attrazioni turistiche più caratteristiche. L'antico Duomo di Zurigo è da sempre il simbolo architettonico della città elvetica. In bilico tra passato e presente, con le sue inconfondibili torri è infatti un punto di riferimento per i cittadini.

Secondo la leggenda, Grossmünster fu costruito sulle tombe dei santi patroni della città d'oltralpe, Felix e Regula, e già da tempi antichissimi fu meta di pellegrinaggio da parte di numerosi fedeli.


>> SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGIO <<


Si racconta che i due fratelli, martirizzati per la loro fede cristiana, vennero decapitati presso la chiesa Wasserkirche per poi camminare fino al luogo in cui oggi sorge la Grossmünster, portando la loro testa tra le braccia. Secoli più tardi l'imperatore Carlo Magno decise di fondare una basilica in onore dei due martiri, dopo un suggerimento arrivato in modo miracoloso dal suo cavallo, prode compagno di avventure. Fu così che venne edificata l'originaria chiesa, inizialmente utilizzata come convento dei canonici.

Nella prima metà del XVI secolo, la chiesa di Grossmünster divenne il punto da cui partì la Riforma protestante svizzero-tedesca, guidata dai due grandi pensatori Ulrico Zwingli e Heinrich Bullinger. La scuola teologica, allora annessa al convento, fu il nucleo di quella che sarebbe poi divenuta l'Università di Zurigo.

L'attuale basilica a tre navate con tribuna è realizzata in pietra arenaria come molte cattedrali svizzero tedesche. Eretta dopo un lungo periodo di lavori, al 1100 risale la costruzione di un nuovo coro e della cripta aggiunti alla navata originaria.

Le due torri del Duomo di Zurigo che furono convertite in stile tardo-gotico tra il 1487 e il 1492, fecero da modello per il completamento ed il rinnovamento di altre grandi chiese della città. Tuttavia, in seguito al crollo avvenuto nel corso del Settecento, le torri furono ricostruite in stile barocco-neogotico e sulla loro cima vennero apposte due piccole cupole.

Torri del Duomo di Zurigo
All'interno della chiesa è possibile ammirare le bellissime pitture murali risalenti ai secoli XIII-XV, mentre gli arredi sono più recenti ultimati appena il secolo scorso: mirabili le vetrate del coro di Augusto Giacometti del 1932 così come indescrivibili sono le porte bronzee di Otto Münch, ideate tra il 1935 e il 1950, che mostrano scene della Riforma, o l'organo di Metzler & Söhne del1960.

Dopo la Riforma protestante, la cattedrale ha assunto un aspetto più austero, alleviato in parte solo dalle coloratissime vetrate. L'artista tedesco Sigmar Polke, infatti, nel 2009, ha completato la rifinitura di 12 bellissime e semplici finestre, alcune di queste decorate con pietre preziose.

Il Duomo di Zurigo è una delle mete preferite sia dai cattolici e che dai turisti atei provenienti da tutto il mondo. È possibile visitare la chiesa, con annessa cripta e chiostro, e il Museo della Riforma, durante tutti i giorni dell'anno. Nello specifico, da marzo a ottobre le porte della basilica saranno aperte dalle ore 10.00 alle ore 18.00, mentre per i restanti mesi chiuderanno un'ora prima. La domenica invece la cattedrale è visitabile solo dopo la messa.

Per concludere, vi consigliamo vivamente di salire i 187 scalini delle due torri. Arrivati in cima potrete ammirare una vista spettacolare che spazia su tutta la ridente cittadina svizzera: da lasciare senza parole!
Grossmunster: il Duomo di Zurigo Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 1 voti.
Articolo pubblicato il
Autore: Ilaria Cucci
Grossmunster: il Duomo di Zurigo
apri
Offerte di viaggio