Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Franciacorta: terra spumeggiante

Tra le colline della Franciacorta, alla scoperta di un nord Italia dal sapore davvero spumeggiante

Franciacorta: terra spumeggiante

In Lombardia, tra Brescia e il Lago d'Iseo si trova una delle zone d'Italia a più spiccata vocazione vinicola-spumantistica, la Franciacorta, di cui i confini vennero fissati per la prima volta nel 1429 dal Doge Francesco Foscari.

Lo splendido Lago d'Iseo, Franciacorta - Lombardia

La storia della vite sulle colline moreniche della Franciacorta è una storia lunghissima, testimonianze ci vengono offerte da Plinio e Virgilio ma le origini sono molto più antiche, i primi rinvenimenti vinaccioli risalgono all'epoca preistorica.

Bicchieri di spumeggiante Franciacorta

La zona è resa famosa dalla produzione dell'omonimo spumante, il Franciacorta, che unitamente all'Asti e al Marsala, ha visto riconosciuta dall'Unione Europea la possibiltà d'indicazione senza altri termini qualificativi; cosicchè non è sbagliato parlare di Franciacorta piuttosto che di "spumante Franciacorta", come a dire: il nome dice tutto!

Riconosciuto come DOC nel 1967, come DOCG nel 1995, prima DOCG in italia esclusivamente dedicata al metodo classico, profumato ed elegante, il Franciacorta è stato riconosciuto quale elite tra le eccellenze della U.E., al pari dei cugini ben più "nobili" Cava spagnolo e Champagne francese.

Un'elegante bottiglia di spumante Franciacorta

Una delle caratteristiche principali dello spumante italiano è proprio quella a cui riferisce la DOCG, per quanto concerne la "presa di spuma" l'unico metodo ammesso è quello che viene definito metodo classico, ovvero la fermentazione in bottiglia, metodo utilizzato da secoli in Champagne.

Le condizioni ambientali che hanno permesso, e tutt'oggi permettono, la fioritura di una simile eccellenza sono in stretta relazione e in equilibrio tra loro: un regime di brezza assicurato dalla vicinanza alle pianure, la vicinanza al Lago d'Iseo che riduce il rischio di gelate e di forti escursioni termiche e la presenza a settentrione della Valcamonica che garantisce una costante ventilazione.

Le uve utilizzate sono generalmente Chardonnay e Pinot nero (è ammesso anche l'utilizzo del Pinot bianco) mentre il colore "classico" del Franciacorta è un giallo paglierino con riflessi verdognoli o dorati. Il Pinot nero aggiunge al gusto del Franciacorta Rosè deliziosi richiami a piccoli frutti di bosco.

Leggero e spumoso si sposa perfettamente con "il sapore forte della terra", esalta il gusto di un arrosto d'agnello o di un risotto ai funghi oppure di un altro cibo tipicamente del nord italia, la polenta.

L'imponente Abbazia Olivetana di Rodegno Saiano, Franciacorta - Lombardia

Il viaggio enogastronomico tra i sapori della regione può trasformarsi in un itinerario storico, artistico culturale e, naturalmente, all'insegna della natura. Particolarmente interessante è la Franciacorta Orientale dove si trovano i comuni di Rodegno Saiano, Gussago e Cellatica.

Rodegno ospita nell'Abbazia Olivetana, dedicata a San Nicola, numerose opere di importanti artisti bresciani. La cucina locale che è certamente incentrata sui sapori della terra a Rodegno si affianca alla preparazione del pesce del Lago d'Iseo, il tutto accompagnato, neanche a diro, da ottimi vini, importanti e rinomati.

Particolare dell monumentale complesso monastico di San Salvatore-Santa Giulia, Brescia

Cellatica, unitamente ai comuni di Collebeato e Bovezzo rappresenta il cuore del Parco delle Colline di Brescia dove, chi ha fiato e gambe, o semplicemente voglia di accelerare il metabolismo, può svagarsi praticando trekking e mountain-bike.

L'agglomerato urbano più esteso al confine della Franciacorta è Brescia, città nota come la "Leonessa d'Italia" per i dieci giorni di resistenza agli austiraci durante il Risorgimento: qui, tra una bollicina e l'altra, si potrebbe far tappa per visitare l'area monumentale del foro romano e il complesso monastico longobardo di San Salvatore-Santa Giulia, parte del Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO.

Ed eccoci alla fine del nostro spumeggiante tour in una terra ricca di storia, cultura, sapori e persone che da sempre producono quel divino nettare che è il Franciacorta, capace ad ogni sorso di condurre in un viaggio nel gusto e nella tradizione.

Franciacorta: terra spumeggiante
Articolo pubblicato il
Franciacorta: terra spumeggiante
apri
Offerte di viaggio