Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Firenze: cosa vedere in 2 giorni

Una full immersion di due giorni nella culla del Rinascimento. Un tour alla scoperta delle bellezze artistiche e culturali di Firenze

Firenze: cosa vedere in 2 giorni

Il lento e costante fluire dell’Arno, il rintocco delle campane in lontananza, il profumo di carne da un chioschetto vicino, il mormorio della folla che si accalca davanti a un uomo muscoloso con una fionda in mano o a un palazzo che un tempo era la dimora di principi e signori. Non è l’inizio di un film, o forse sì.

Perché visitare Firenze è come vivere in un film senza tempo; vuol dire tornare indietro di 700 anni e ripercorrere le tappe di una città che ha fatto storia. 

Significa respirare la stessa aria, passeggiare nelle stesse strade che hanno visto passare Dante, Boccaccio, Michelangelo e una lista infinita di grandi personaggi del passato.

E sembra ancora di vederli camminare lì per il centro con le loro lunghe toghe e i buffi copricapo a decantare versi, a filosofeggiare, a creare.

Firenze è una città che va vissuta tutta d’un fiato, perché  basta che ti fermi un secondo davanti a un dipinto, una chiesa maestosa, una piazza o un vecchio ponte che ti ha già rubato il cuore.

E allora cosa aspettate? Seguiteci in questo piccolo tour nella città dell’arte, della storia e della bellezza per scoprire Firenze e le tante meraviglie che si possono visitare in due giorni.

Giorno 1:

La Basilica di Santa Maria Novella a Firenze in tutto il suo classico splendore

I tappa: Basilica Di Santa Maria Novella. Se arrivate con il treno, la stazione di Santa Maria Novella è un’ottima partenza per il nostro tour.

Usciti dalla stazione, a pochi passi sulla destra, vi troverete un'enorme chiesa in stile rinascimentale che sarà solo un assaggio di quello che vi aspetta. Si tratta della Basilica di Santa Maria Novella, una delle più famose a Firenze.

La Basilica è uno scrigno d’arte e di religiosità. Racchiude non solo lo stile religioso dell’epoca con la sua classica forma a croce latina, le immense navate e gli importanti altari, ma anche un ricco patrimonio artistico con affreschi ed opere di Masaccio, Brunelleschi e Vasari, solo per citarne alcuni.

II tappa: Galleria dell’Accademia. Ci spostiamo dalla Basilica di Santa Maria Novella in direzione ovest per raggiungere la Galleria dell’Accademia.  A metà strada troverete il grande edificio che ospita il Mercato di Firenze. I banchi colorati e la simpatia dei commercianti vi invoglierà sicuramente a comprare, e perché no, anche ad assaggiare.  Se siete affamati  il piano superiore è allestito con stand e tavolini, pieno di squisitezze fiorentine.

Lascia senza fiato la vista del vero e unico David di Michelangelo - Galleria dell'Accademia (Firenze)

Si prosegue verso la Galleria dell’Accademia che dista circa 600 metri dal Mercato, sempre in direzione ovest.

Situata in via Ricasoli ospita numerose opere pittoriche, molte sculture di Michelangelo e un museo degli strumenti musicali.

Il vero motivo però per il quale il 90% delle persone sceglie di venire qui è per vedere lui, l’immenso, famosissimo e magnetico David di Michelangelo.

Qui e là per Firenze vi capiterà sicuramente di vedere qualche copia di questa ammirevole opera d’arte, ma quella vera, l’originale, ve le farà dimenticare in un solo istante. E proprio a causa di David la fila per accedere al museo è chilometrica. L’ideale dunque sarebbe prenotare la visita pagando un extra (basta recarsi in qualsiasi biglietteria autorizzata). La spesa è leggermente maggiore ma almeno si guadagna tempo… e non poco!

III tappa: Duomo, Battistero e campanile. Proseguendo per via Ricasoli verso sud, dopo una manciata di metri, svoltando l’angolo, vi troverete davanti un imponente e maestoso edificio.

Si tratta di uno dei duomi più famosi del mondo: la cattedrale di Santa Maria del Fiore. In alto, a governare l’edificio, c’è la magnifica cupola di Brunelleschi. La sua magnificenza e i suoi interni paradisiaci la rendono qualcosa di unico e inimitabile.  Accanto al Duomo vi è poi il campanile di Giotto, progettato dall’artista e oggi meta imperdibile non solo per apprezzarne l’ammirevole struttura, ma anche per godere di una magnifica vista della città dall’alto.

Uno spettacolo di forme, geometrie, archietture e colori la Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze

A completare il complesso vi è all’esterno, di fronte al Duomo, il Battistero di San Giovanni, patrono della città. Un insieme davvero spettacolare!

IV Tappa: Piazza della Repubblica e vie dello shopping. Dopo una giornata così piena, se ne avete ancora la forza, è piacevole girare esplorando il centro di Firenze, dal Duomo a scendere verso Piazza della Repubblica.

Qui fatevi cullare dalle dolci note intonate dagli artisti di strada, sorseggiando un drink in uno dei bar disposti intorno alla piazza. Piazza della Repubblica è anche il cuore dello shopping fiorentino. Nelle strade che si diramano intorno alla piazza troverete infatti negozi di ogni genere.

Giorno 2

I Tappa: Palazzo Vecchio. Cominciamo il secondo giorno da Piazza della Signoria, non lontano da Piazza della Repubblica. Qui c’è il famoso Palazzo Vecchio, antica dimora dei Medici. Al suo interno, oltre ad ospitare la sede del sindaco di Firenze, vi sono dipinti e sculture di artisti come Michelangelo, Donatello e Vasari.

II Tappa: Galleria degli Uffizi. Accanto a Palazzo Vecchio troviamo finalmente gli Uffizi. Qui ad accoglierci ci sono Machiavelli, Guicciardini, Dante, Boccaccio e molti altri. Come guardiani della cultura italiana, le statue dei più grandi uomini della storia fiorentina sono collocate al di fuori dell’edificio. Al loro interno gli Uffizi racchiudono un ricco patrimonio artistico: Cimabue, Caravaggio, Giotto, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Raffaello, Tiziano, Botticelli, solo per citare i più grandi. Per entrare l’attesa è davvero estenuante, è quindi consigliabile prenotare i biglietti per evitare la coda infinita!

III Tappa: Ponte Vecchio. Uscendo dalla Galleria, proseguendo verso sudest, vi ritroverete invece dinanzi all’intramontabile Ponte Vecchio, con le sue botteghe di gioielli che si susseguono in un continuo scintillio dorato. Qui è incantevole la vista della città dai suoi due punti di osservazione.

Palazzo Vecchio: uno dei simboli della Firenze medievlale

IV Tappa: Palazzo Pitti. Si arriva poi a palazzo Pitti, ancora in direzione sud. Il palazzo ha ospitato grandi signori come i Medici, i Lorena e i Savoia. Al suo interno vi sono musei come la Galleria d'arte, con capolavori di Raffaello e Tiziano, il Quartiere d'Inverno, il Quartiere del Principe di Napoli, la Galleria d'arte moderna, la Galleria del costume (interamente dedicata alla moda) e il Museo delle carrozze.

V Tappa. Piazzale Michelangelo. Raccimolate le forze che vi rimangono per raggiungere questo splendido posto. Piazzale Michelangelo si trova in uno dei punti più alti di Firenze; è quindi preferibile raggiungerlo in autobus. E se finora Firenze non vi ha rubato il cuore, qui lo farà di sicuro. È impossibile non rimanere senza fiato dinanzi alla strordinaria vista dalla piazza. Eccola lì, Firenze, nel suo incanto mantenuto imperituro nel tempo. Da qui Ponte Vecchio, il Duomo, Santa Maria Novella, Palazzo Vecchio vi salutano, prendendosi un posto speciale nei vostri ricordi più belli che, vi assicuro, difficilmente dimenticherete.

 

Firenze: cosa vedere in 2 giorni Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 8 voti.
Articolo pubblicato il
Firenze: cosa vedere in 2 giorni
apri
Offerte di viaggio