Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Cracovia: cosa vedere in città

Durante un fine settimana a Cracovia, cosa vedere nella splendida città polacca? Ecco qualche suggerimento tra arte e religiosità

Cracovia: cosa vedere in città

Situata nella parte meridionale della Polonia, è una delle sue città più antiche e affascinanti. Perdersi tra le sue stradine che s'aprono improvvise su piazze enormi, è senz'altro il modo migliore per visitare Cracovia. Cosa vedere allora durante un weekend in città? Le possibilità non mancano nell'ampio ventaglio di opportunità che offre quest'importante centro polacco, dove ancora si respira il clima mitteleuropeo, in un connubio di culture che rendono unica questa metropoli. 

Ecco i nostri suggerimenti su cosa vedere a Cracovia durante un breve soggiorno. 

 

STRADE E PIAZZE 

Una delle caratteristiche peculiari di questa città, è proprio la sua architettura urbana. Piazze e strade sembrano essersi perse nel tempo, in un'era lontana ormai dimenticata in altre città. Suggestive e pittoresche, ecco dove vale la pena spendere il proprio tempo per una passeggiata. 

 

- Piazza del Mercato Principale - Rynek Glówny 

Vista sulla Basilica di Santa Maria (Kosciol Mariacki) in Piazza del Mercato Principale

Un immenso quadrato di 200 metri per lato, nel cuore della città: la Piazza del Mercato Principale è da sempre il centro pulsante della vita sociale di Cracovia. Lo stile neoclassico impera tra le facciate dei palazzi che guardano verso la piazza, anche se si tratta di edifici con una storia ben più antica alle spalle. Inoltre, qui si trova il ristorante più famoso di tutta la città, forse dell'intera Polonia, il Wierzynek. Leggenda vuole che, nel lontano 1363, il re Casimiro il Grande, diede un banchetto che durò ininterrottamente per 21 giorni, per celebrare le nozze di sua nipote Elisabetta di Pomerania con Carlo IV, Imperatore del Sacro Romano Impero. Alla festa furono invitati tutti i regnanti europei, ai quali le portate vennero servite su piatti  d'oro zecchino.  

Su un lato di questa piazza si trova l'importante Basilica di Santa Maria (Kosciol Mariacki), risalente al XIII secolo. Negli anni l'edificio ha subito numerosi rimaneggiamenti anche a causa delle invasioni Tartare che hanno distrutto la struttura originaria e oggi coesistono in questa chiesa numerosi stili architettonici differenti.

 

 >> VUOI VISITARE CRACOVIA? SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE << 

 

- Piazza Wolnica - Plac Wolnica 

Piazza Wolnica in una giornata di solephoto credit: "Krakow - Plac Wolnica" autorstwa RaNo - Praca w?asna. Licencja GFDL na podstawie Wikimedia Commons.

Dell'antica piazza oggi non resta che un ricordo lontano. Col tempo, infatti, le sue dimensioni sono state notevolmente ridotte per far posto agli edifici che oggi la circondano, ma dai documenti storici emerge che fino a qualche secolo fa, era ben 4 volte più ampia. Ospitava il mercato di Kazimierz, una borgata situata su un'isola del fiume Vistola.

Ad oggi Kazimierz è uno dei principali quartieri della città, in passato invece, era una vera e propria città separata, fondata nel 1335 da Casimiro III di Polonia.

Al centro della piazza si trova il municipio antico, un ricordo dello status indipendente di Kazimierz prima del 1800, quando fu annessa a Cracovia. Cosa vedere in questa zona? Sicuramente merita una visita l'intero quartiere, di cui la piazza è lo snodo nevralgico, perché durante la Seconda Guerra Mondiale fu nettamente suddiviso tra ebrei e cattolici. Oggi questa divisione de facto, è scomparsa, ma le architetture e gli edifici ricordano ancora un periodo non proprio felice per la città e per la Polonia intera. 

 

MONUMENTI 

Se cercate spunti e suggerimenti su cosa vedere a Cracovia tra i suoi monumenti, non avrete che l'imbarazzo della scelta. Il centro storico della città è particolarmente ricco di testimonianze del passato, gloriose reminiscenze di un'epoca ricca e fiorente per questa città polacca.  


- Torre del Municipio - Rynek Glówny 

Cracovia cosa vedere, di certo la Torre del Municipio, uno dei simboli della città

È l'unica parte che resta dell'antico municipio, demolito nel 1820 per rendere ancor più ariosa e spaziosa la Piazza del Mercato Principale. Risale alla fine del XIII secolo ed è uno dei simboli della città, nei suoi sotterranei si trovavano le prigioni imperiali e le sale delle torture. L'ultimo piano è aperto e visitabile, e concede una vista privilegiata su gran parte della metropoli.  

 

- Barbacane - Basztowa 

E nel bel mezzo della città ti trovi il Barbacane

photo credit: "Barbakan Krakow z ulicy Basztowej" by Ludek - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons.

È forse uno dei monumenti di Cracovia più conosciuti all'estero. Si tratta di un avamposto militare risalente al 1498 costruito in stile gotico: in Europa è uno degli ultimi tre edifici simili rimasti ancora in piedi ed è certamente quello meglio conservato. Le sue spesse mura, larghe oltre 3 metri, sono aperte in 130 feritoie da cui i soldati potevano difendere, in sicurezza, Porta Floriana, il varco d'accesso alla città.  

 

- Porta Floriana - Stare Miasto 

Porta Floriana, vecchio ingresso alla città di Cracovia

Questa è l'unica delle porte originali sulle antiche fortificazioni che è giunta fino ai giorni nostri, preservata dall'opera di modernizzazione compiuta dall'Impero Zarista nel XIX secolo, che non ha risparmiato nemmeno il municipio. La sua prima edificazione risale al XIV secolo, ma la parte gotica è successiva ed è stata costruita nel XVII secolo. Da qui inizia la famosa Strada Reale che conduce fino alla Piazza del Mercato Principale, da cui sono passati tutti i regnanti nel giorno dell'incoronazione e quelli in visita ufficiale in città.  

 

CASTELLI E MUSEI 

Nonostante non sia una città famosa per i suoi castelli, Cracovia nel suo territorio ospita un bellissimo maniero risalente al XI secolo. 

 

- Castello di Wawel - Wawel 5 

Splendida panoramica sul Castello di Wavel

Situato sulla collina omonima, in posizione strategica per dominare sulla città, questo castello ha ospitato per cinque secoli i regnanti polacchi. È un luogo dalla forte valenza simbolica, a cui i polacchi sono particolarmente affezionati. Nelle sue vicinanze si trova anche la Cattedrale della città, dove sono state effettuate tutte le incoronazioni dei reali di Polonia e dal 2012 ospita il celeberrimo dipinto, La Dama con l'Ermellino, di Leonardo da Vinci. La tela fa parte di una delle collezioni statali che oggi occupano gran parte dell'area del castello.  

Proprio tra queste mura, inoltre, nel 1940 i neonazionalisti polacchi dell'OUN, giurarono fedeltà al Terzo Reich davanti alla massima figura istituzionale polacca, il governatore Hans Frank.  

 

- Muzeum Czartoryskich - sw. Jana 19 

Muzeum Czartoryskich, vista esterna

È uno dei più grandi e importanti musei di Cracovia, fondato nel 1796 dalla principessa Isabella Fleming, che ha voluto intitolare il museo a suo marito, Adam Kaziemerz Czartoryska. È stato il primo museo storico ad aprire in territorio polacco ed è anche quello che vanta le collezioni più interessanti.  

Prima di essere trasferito nel castello di Wawel, per esempio, La Dama con l'Ermellino trovava spazio tra le pareti di questo museo assieme a tantissime altre opere, tra le quali il Paesaggio del Buon Samaritano di Rembrandt. Oltre alle esposizioni d'arte moderna, all'interno dell'edificio museale sono presenti anche collezioni d'arte archeologica del periodo egizio e romano. 

Nel corso della storia, il Muzeum Czartoryskich ha subito numerosi trasferimenti e le sue opere sono state trasportate anche in Germania dalle truppe naziste, prima di tornare definitivamente in Polonia, al termine della guerra dopo la sconfitta tedesca. 

 

- Muzeum Farmacji - ul. Florianska 25 

Vecchia foto della sala photo credit: muzeumfarmacji.pl

Poco conosciuto ai più, questo è uno dei musei di genere più importanti d'Europa e custodisce, forse, la principale collezione di tutto il continente. Potrebbe sembrare un'attrazione secondaria rispetto alle altre, eppure, la sua visita saprà stupire e incuriosire anche i più scettici con un'esposizione curata e particolareggiate che ripercorre la storia dell'arte farmaceutica in Europa, dagli albori ai giorni nostri. 

 

CHIESE E PARCHI  

Dopo un tour tra le meravigliose attrazioni storiche di Cracovia, cosa vedere per concedersi un momento di sano relax? All'interno della città non sono presenti numerose aree verdi, ma il parco comunale è perfetto per una pausa rigenerante.  


- Cattedrale dei Santi Stanislao e Venceslao 

Cosa vedere a Cracovia: la Cattedrale dei Santi Stanislao e Venceslaophoto credit: "Kraków - Wawel Cathedral 01" di Lestat (Jan Mehlich) - Opera propria. Con licenza CC BY-SA 3.0 tramite Wikimedia Commons.

Sorge sulla collina del Wawel ed è il luogo di culto più importante di tutta la città. È il Santuario Nazionale Polacco ed è qui che si sono svolte tutte le incoronazioni dei sovrani del Paese. In questo luogo si trova la Cappella di Sigismondo (Kaplica Zygmuntowska), uno dei più bei monumenti di tutta la città, realizzata dall'italiano Bartolomeo Berecci per il sovrano Sigismondo I di Polonia. In realtà è un monumento tombale che ospita le reliquie dello stesso re e di sue due figli, Sigismondo Augusto di Polonia e AnnaJagellona. 

Sono numerosi i sovrani di cui è possibile ammirare le tombe in questa Cattedrale, così come è possibile anche visitare i luoghi di sepoltura di alcuni eroi nazionali che hanno combattuto per l'indipendenza e di personaggi famosi legati alla città come lo scrittore e poeta Adam Bernard Mickiewicz e la coppia presidenziale composta da Lech e Maria Kaczynska, morti nel 2010 in seguito a un incidente aereo avvenuto in Russia.  

 

- Planty Park - Planty  

Planty Park, il polmone verde della città

È stato realizzato nell'area in cui in passato sorgevano le mura cittadine e infatti, cinge il centro storico di Cracovia come se fosse un anello verde. Ha un'estensione notevole, con una lunghezza complessiva di ben 4 km e una superficie che sfiora i 21 ettari. Misure alla mano, quindi, può essere considerato il parco più esteso d'Europa. Passeggiando tra i suoi viali, si incontrano alcuni dei monumenti più importanti della città come il Barbacane. È il luogo preferito dai residenti per godere della bellezza della città ed è senza dubbio, uno dei parchi più caratteristici di tutto il continente, grazie alla sua particolare conformazione.  


FUORI CITTA  

Gli spunti e le idee per trascorrere piacevolmente il tempo in città non mancano di certo, ma anche i dintorni di Cracovia sono piuttosto interessanti da visitare. Non molto lontano dalla città si trova il campo di concentramento più tristemente noto e a pochi km dall'abitato sorgono le bellissime miniere di sale che meritano senz'altro qualche ora durante il vostro soggiorno a Cracovia. 


- Miniera di sale di Wieliczka 

Una delle tante opere d'arte scavate nella Miniera di sale di Wieliczka

È una delle prime miniere di sale al mondo, seconda solo a quella di Bochnia, situata sempre in Polonia. È stata sfruttata fin dal XIII secolo e l'attività estrattiva si è conclusa 20 anni fa, nel 1996. Nonostante le sue gallerie raggiungano complessivamente la ragguardevole lunghezza di 300 km, per le visite turistiche è possibile accedere solo a 3 km di percorso, messo in sicurezza e pienamente agibile. Non pensate di visitare una miniera qualunque perché in questi cuniculi, si trovano meravigliose sculture puntellate direttamente nel sale, statue raffiguranti personaggi illustri e religiosi, realizzate dai minatori. Tra gallerie riccamente decorate e ampie sale scavate nella roccia e nel sale, si trovano anche cappelle e laghetti sotterranei di rara bellezza. Dal 1978 è uno dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO.

- Campo di concentramento di Auschwitz 

Ingresso ad Auschwitz

Non servono parole per raccontare questo luogo. Nessuna descrizione potrebbe mai rendere giustizia alle emozioni che si provano quando si attraversa quel cancello e quella scritta, Arbetmachtfrei, rintracciabile all'ingresso di numerosi campi di concentramento. Si trova a Oswiecim, nella Polonia meridionale, poco più di 60 km a ovest di Cracovia. È il più grande campo di sterminio nazista, divenuto nel 1978 un Patrimonio dell'Umanità UNESCO a testimonianza della lucida follia umana, per non dimenticare.  

Parlare di numeri, di date e di avvenimenti accaduti all'interno di questi recinti spinati è inutile: tutti conoscono la storia di questo luogo del terrore da cui solo poche persone sono riuscite a uscire vive.

                      

CURIOSITÀ 

Il periodo migliore per visitare Cracovia va da marzo a ottobre circa, quando il clima è maggiormente clemente e le temperature abbastanza miti e piacevoli. È in questo periodo che si svolgono anche la maggior parte degli eventi in città. A giugno, per esempio, si svolge la tradizionale Grande parata dei draghi in onore del drago di Wawel, uno dei simboli di Cracovia.  

Nel 2016, inoltre, la metropoli polacca sarà il teatro della XXXI Giornata Mondiale della Gioventù, che animerà Cracovia dal 26 al 31 luglio, per un appuntamento spirituale fortemente voluto da Papa Francesco nella città legata a doppio filo, con il pontefice polacco San Giovanni Paolo II, al secolo Karol Wojtyla. 

 

Le idee non mancano per trascorrere un piacevole un weekend a Cracovia: cosa vedere e cosa visitare è solo una questione di gusti e di tempo. Non rinunciate ad immergervi completamente nelle sue trame, nella sua essenza vivace e scanzonata, e lasciatevi guidare alla scoperta delle sue sfumature più particolari.

Cracovia: cosa vedere in città Valutazione: 4.29 su 5 Basato su 7 voti.
Articolo pubblicato il
Cracovia: cosa vedere in città
I Più Letti
  • del giorno
  • della settimana
apri
Offerte di viaggio