Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Calcio storico fiorentino: un evento insolito e straordinario

Il Calcio Storico Fiorentino ha origini antichissime, padre di due grandi sport come il calcio ed il rugby oggi rivive in uno spettacolo unico ed emozionante

Calcio storico fiorentino: un evento insolito e straordinario

By Lorenzo Noccioli - Own work http://www.puredesign.it/gallery2/main.php/v/calciostorico/CC BY-SA 3.0, Calcio Storico - 24.06.2008 - Azzurri Vs. Rossi

Oggi lo sport più popolare nel Belpaese e nel mondo è di certo il calcio, ma non tutti sanno che in Italia prima di questa versione moderna ed estremamente commerciale, c'era qualcosa di diverso, di molto più duro e sudato, parliamo del Calcio Storico Fiorentino, il più antico e maschio degli psort italici. Conosciuto anche come Calcio in costume, le sue origini sono antichissime, infatti veniva giocato già dai greci per esser poi sviluppato dai romani in gioco per addestrare guerrieri, fino ad entrare a pieno titolo nella cultura italiana durante il medioevo. Oggi questa antica tradizione, rivive in uno spettacolo emozionante che ci regala la città di Firenze nel mese di Giugno, in concomitanza della festa di San Giovanni. Per l'edizione 2016, dall' 11 giugno è possibile tornare indietro nel tempo ed assistere a bellissime sfide tra i 4 quartieri storici di Firenze. Ma prima di scoprire maggiori dettagli sul programma, facciamo un rapido viaggio nella storia di questo sport tra regole e avvenimento.


LE REGOLE DELLO SPORT E LA SUA STORIA


Nel 1530 il conte fiorentino Giovanni De Bardi ne scrive le attuali regole:

il campo deve essere rettangolare e ricoperto di rena, la durata delle partite è di 50 minuti, le squadre sono 2 e ciascuna con 27 “calcianti” così suddivisi:

  • 4 Datori indietro (portieri);

  • 3 Datori Innanzi (terzini);

  • 5 Sconciatori (mediani);

  • 15 Innanzi o Corridori (attaccanti).

Al centro della rete di fondo troviamo la tenda del Capitano e dell'Alfiere che hanno il compito di intervenire per placare gli animi dei calcianti, la direzione invece, è affidata al Giudice Arbitro con cui collaborano 6 Segnalinee ed il Giudice Commissario. A sorvegliare il gioco c'è il Maestro di Campo che controlla lo svolgersi della partita ed interviene in caso di “zuffe sul terreno di gioco”.

L'inizio della partita è affidato, alla “sparata” delle Colubrine (cannone a mano) ed al Pallante, che lancia il pallone sulla linea centrale, i calcianti a questo punto cercano di portare con tutti i mezzi il pallone nel campo avversario per poterlo depositare nella rete, segnando così la Caccia (goal). Nel caso in cui il pallone finisse al di sopra della rete, viene assegnata Mezza Caccia all'avversario. Vince chi nell'arco dei 50 minuti ha segnato più cacce. Il premio in palio è una Vitella di razza chianina.

Quattro, erano e sono ancora oggi, le zone preferite per giocare, Piazza Santo Spirito, Piazza Santa Maria Novella, Piazza Santa Croce e il Prato. Molte le partite importanti del calcio storico fiorentino, ma la più celebre è sicuramente quella del 17 Febbraio 1530, quando Firenze, approfittando del Sacco di Roma, era riuscita a cacciare i Medici e a proclamare la Repubblica. La città venne così assediata dai soldati dell'Imperatore Carlo V che accolse la richiesta di aiuto di Papa Clemente VII (della famiglia di Medici) per riportare l'antica famiglia al suo posto.

I Fiorentini, ormai stremati dalla fame per la scarsità di cibo causata dall'assedio, decissero di festeggiare comunque il Carnevale che ricorreva proprio in quel giorno ed in segno di sfida, organizzarono una partita di calcio a Piazza Santa Croce. Per ridicolizzare il nemico, i musicanti si posizionarono sul tetto della Chiesa, in modo da far capire agli Imperiali cosa stesse accadendo. Improvvisamente una palla di cannone fu sparata dagli assedianti ma fortunatamente andò a finire oltre la Chiesa senza creare alcun danno e accompagnata dallo scherno della folla e dagli squilli delle trombe. Non ci fù alcun vincitore per questa partita, a dimostrazione del fatto che era stato più un simbolo di protesta collettiva verso i nemici che altro. Nell'estate però di quell'anno, i Medici riuscire a insiediarsi nuovamente in città.ripresero il dominio.
Per quasi 200 anni non si hanno notizie di altre celebri partite, si pensa però che il gioco venisse comunque svolto nei piccoli rioni e nei quartieri, la rinascita si ebbe nel 1930 e da allora è divenuto uno dei grandi eventi rievocativi della città di Firenze.

video credit: KrakowFilmFoundation 

IL CALCIO STORICO FIORENTINO AI GIORNI NOSTRI: LE SQUADRE ED IL PROGRAMMA 

Oggi è possibile assistere a questa meravigliosa manifestazione del Calcio storico fiorentino, durante il mese di Giugno. Il Torneo detto anche di San Giovanni, prevede due eliminatorie e la finale.

A sfidarsi sono i 4 quartieri storici di Firenze a cui viene abbinato un colore:

  • Bianchi di Santo Spirito;

  • Rossi di Santa Maria Novella;

  • Azzurri di Santa Croce;

  • Verdi di San Giovanni.

Il programma di ogni giornata prevede, a partire dalle 15:30, l'apertura della Manifestazione con il corteo storico, la parata, il “Ballo della riverenza e della Disfida” (tipica danza rinascimentale), l'esibizione dei Bandierai degli Uffizi e alle 17:30 l'inizio della partita.

Le date previste per l'evento di Giugno 2016 sono:

  • 11 Giugno 2016: Verdi di San Giovanni VS Bianchi di Santo Spirito;

  • 12 Giugno 2016: Rossi di Santa Maria Novella VS Azzurri di Santa Croce

  • 24 Giugno 2016: FINALE 

E' inoltre possibile assistere ad altri eventi organizzati ed associati alla Manifestazione durante tutto il mese di Giugno.


BIGLIETTI CALCIO STORICO FIORENTINO 2016: DOVE ACQUISTARLI E QUANTO COSTANO

La vendita dei biglietti delle partite in programma è partita venerdì 3 giugno attraverso i Boxoffice Toscana, mentre da lunedì 6 giugno è possibile anche l'acquisto online. Ovviamente, come in tutti gli sport che si rispettino, i tifosi di ogni squadra, proprio grazie al loro tream di appartenenza, hanno un dirittto di prelazione.
detto delle modalità ecco i costi nel dettaglio, che ovviamente variano in base alla posizione.

Per tutti i biglietti è prevista una prevfendita pari a 8€, ad eccezione delle tribune popolari per le quali invece è pari a 7€, ma vediamo più nel dettaglio i costi:
Tribune popolari: 15€ 
Tribuna numerata: 20€
Tribuna dìonore laterale: 35€
Tribuna d'onore centrale: 45€

Per info sui punti vendita Boxoffice Toscana e l'acquisto online basta visitare il seguente sito: http://www.boxofficetoscana.it


Il Calcio storico fiorentino così come tante altre Manifestazioni ed Eventi rievocativi italiani va tutelato e promosso. Quindi affrettatevi ad organizzare un bella vacanza di piacere nella bellissima Firenze e preparatevi ad assistere al più antico, “maschio” e spettacolare gioco di calcio.

Calcio storico fiorentino: un evento insolito e straordinario Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 2 voti.
Articolo pubblicato il
Autore: Nadia Scafaro
Calcio storico fiorentino: un evento insolito e straordinario
apri
Offerte di viaggio