Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

Barcellona: Sagrada Familia e dintorni

Barcellona: Sagrada Familia e non solo per un tour che mira dritto al cuore della capitale catalana

Barcellona: Sagrada Familia e dintorni

                                                                                Foto: "Sagrada Familia 01" by Bernard Gagnon - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons.

Maestosa, imponente, dall’architettura fantastica e ancora incompleta. Espressione indiscussa dell’estro di Antoni Gaudì e simbolo di una città, vi portiamo alla scoperta non solo del capoluogo della Cataluña, ma del gioiello più incredibile di Barcellona: la Sagrada Familia.

Il rapporto tra Barcellona e la Sagrada Familia è talmente forte e intenso che, probabilmente, l’una non esisterebbe senza l’altra. Considerata la massima espressione del genio di Gaudì, è un’opera monumentale perennemente in costruzione, elemento che – lungi dal sminuirne bellezza e importanza – affascina, ogni anno, milioni di turisti provenienti da ogni parte del mondo, rendendola il monumento più visitato di Spagna, seguito a ruota dal Museo del Prado a Madrid e dall’Alhambra di Granada. 


Sagrada Familia: storia

L’idea per la realizzazione di una grande basilica, prese spunto nel 1866 dall’Associació Espiritual de Devots de Sant Josep, fondata dal libraio Josep Maria Bocabella, allorché ispirato dal sacerdote Josep Manyanet i Vives, decise di realizzare un tempio sacro dedicato alla Sacra Famiglia.

Ricevute le donazioni da fedeli e clero, acquistati i terreni, i lavori per il Temple Expiatori de la Sagrada Família – nome completo della basilica – furono avviati da Francesc del Villar ma, in seguito a divergenze con l’Associazione, il progetto passò nelle mani dell'allora trentunenne Antoni Gaudì.

L’opera – iniziata in perfetto stile neogotico, con una chiesa a tre navate e ricchi contrafforti posti all’esterno – fu completamente stravolta da Gaudì, il quale fece della chiesa il proprio quartier generale, per seguire da vicino i lavori e apportare le migliorie al progetto laddove si fosse rivelato necessario.

Ma, dopo aver lavorato al disegno della chiesa per oltre 40 anni – di cui gli ultimi 15 della propria vita in modo ininterrotto – Gaudì si rese conto che l’opera completa avrebbe richiesto ben più tempo del previsto. Un’impresa che, probabilmente, avrebbe richiesto dei secoli. Procedendo con la realizzazione, infatti, il progetto diventava sempre più complesso e scenografico: le alte torri protese verso il cielo, sormontate da cuspidi e ceramiche decorate in colori vivaci, diventavano un grandioso omaggio al neogotico, al cubismo e all’art nouveau.

                            Barcellona, Sagrada Familia: uno straordinario trionfo di stili, forme e colori anche all'interno                                     Foto: SBA73 from Sabadell, Catalunya (Tot conflueix / All's conected) [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons

Gaudì, perciò, preferì dedicarsi solo ad alcune sezioni, portando a termine la facciata della Natività – arricchita dalle sculture di Carles Mani, Llorenç Matamala e Joan Matamala - e una delle torri, quella dedicata a San Barnaba.

Dopo la morte di Gaudì nel 1926 e lo scoppio della guerra civile spagnola, i lavori s’interruppero bruscamente, rendendo la Sagrada Familia, un cantiere polveroso e abbandonato. Ripresi dopo il 1952, oggi proseguono a ritmi lentissimi, sovvenzionati dalle offerte dei fedeli.
Difficile fare una stima per il termine: a parere degli addetti ai lavori, la Sagrada Familia dovrebbe essere ultimata per il 2030.

Nonostante ciò, la simbiosi tra Barcellona e la Sagrada Familia, è destinata a rinnovarsi e rinsaldarsi nel tempo: in un tour alla scoperta della città è impossibile non effettuare una sosta alla chiesa – elevata al rango di Basilica minore da Benedetto XVI – e non si può restare indifferenti mentre, tutt’intorno, è un turbinio di scultori, architetti e manovali sospesi nel vuoto e indaffarati sui ponteggi, intenti a completare uno dei Patrimoni dell’Umanità Unesco.


Sagrada Familia Prezzi e Orari

Le eterne gru continuamente al lavoro per completare la Sagrada FamiliaConsiderata l’attrazione principale di Barcellona, spesso, l’attesa per visitare la Sagrada Familia diventa lunga e sfiancante, considerando circa almeno due ore e mezza di fila. L’opzione migliore, pertanto, è prenotare e acquistare i biglietti online sul sito della basilica.

Stampando la prenotazione e presentandola agli addetti, infatti, si evitano le snervanti file e si può subito procedere all’esplorazione della magnifica chiesa.

Secondo la tipologia di visita che preferite, troviamo tre tipologie di ticket:

  • La visita con guida a 19,50€;
  • Visita con audio guida a 19,50€;
  • Visita senza guida a 15,00€. 

Le guide sono previste in catalano, spagnolo, inglese, francese, italiano e tedesco (per le audio guide, invece, oltre alle precedenti, si può scegliere anche portoghese, russo e cinese). Inoltre, con un semplice sovrapprezzo – 4,50€ in più a persona – si ha la possibilità di visitare le torri.  

Per ciò che concerne gli orari, da Ottobre a Marzo, la basilica è aperta dalle 09.00 alle 18.00; da Aprile a settembre dalle 09.00 alle 20.00. Il 25 e il 26 dicembre, il 1 e il 6 gennaio, la Sagrada Familia sarà visitabile dalle 09.00 alle 14.00


Barcellona: Sagrada Familia e non solo

Com’è ovvio che sia, il regno di Gaudì non è solo rappresentato dalla Sagrada Familia.
Pur considerando inscindibile il binomio Barcellona Sagrada Familia, il capoluogo della Catalogna è un mondo a sé, da scoprire e assaporare in tutte le sfaccettature. Probabilmente, la città non ha nemmeno bisogno di presentazioni, perché le sue opere e la sua vitalità, parlano già da sé.

Del resto, come provare anche solo a spiegare le meraviglie del Barrio Gotico, degli edifici moderni dell’Eixample, della vivacità delle Ramblas e dei locali notturni, dei colori delle opere di Gaudì – passando da La Pedrera al Parc Güell – della Ruta Modernista e di quel tempio del calcio rappresentato dal celebre stadio Camp Nou?

Sì. Definitivamente, questa è proprio una città da visitare. Scegliete Barcellona, Sagrada Familia inclusa, ma anche di perdervi fra le splendide ramblas, i vicoli, le grandi avenidas, le belle piazze, per scoprire ogni angolo di quello che è il cuore pulsante della Cataluña può offrire!

Barcellona: Sagrada Familia e dintorni Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 5 voti.
Articolo pubblicato il
Barcellona: Sagrada Familia e dintorni
apri
Offerte di viaggio