Serve aiuto?
02.92853971
Lun. - Ven. 9:30/19:00 | Sab. 9:30/13:00
Registrati

A passeggio tra storia e cultura

Gli scavi archeologici di Pompei sono una delle meraviglie italiane. Ideali per trascorrere un bellissimo week end anche in compagnia del proprio cane

A passeggio tra storia e cultura

Inseriti nella lista dei patrimoni dell’umanità protetti dall’UNESCO, gli scavi di Pompei sono senza dubbio una delle aree archeologiche più importanti e più affascinanti al mondo. Ogni anno oltre due milioni di persone decidono di visitare l’antica città, vivendo un’esperienza storico-culturale senza paragoni. La buona notizia è che per organizzare una gita in questo sito unico, non serve lasciare a casa il cagnolino!

Vista l’immensità della zona, che si estende per oltre 44 ettari, risulta impossibile visitarla in poche ore, occorre almeno una giornata. Quale migliore occasione allora per passare del tempo all'aria aperta in compagnia del proprio cucciolo?

Fondata dagli Osci nel VII sec. a.C., Pompei ha subito l’influenza delle varie popolazioni che l’hanno dominata: Greci, Etruschi, Sanniti, fino ai Romani che la conquistarono nel III sec. a.C. Percorrere via dell’Abbondanza, sostare nell’antico Anfiteatro, osservare i meravigliosi affreschi che adornavano le diverse strutture, sono tutte esperienze che lasciano senza parole. Passeggiare per le varie stradine osservando le numerose abitazioni – sia dall’esterno che dall’interno – permette di farsi un'idea dello stile di vita e delle abitudini di chi l'ha abitata fino al 79 d.C. 

Il mosaico Cave Canem poi, presente nella casa del poeta Tragico, testimonia quanto la popolazione originaria fosse legata ai migliori amici dell'uomo. Proprio un cane, infatti, è raffigurato in questa strabiliante decorazione artistica, ancora conservata.

Le regole da seguire per entrare accompagnati da animali domestici sono basilari, ovvero avere con sé un guinzaglio non superiore a 1,5 metri, possedere l’idonea attrezzatura igienica, e tenere sempre a portata di mano, nel caso ce ne fosse bisogno, una museruola.

Per chi, invece, decidesse di visitare da solo gli scavi c’è la possibilità di tornare a casa con un amico fedele. Il progetto (C)Ave Canem  promuove l’adozione dei cani randagi, tutti curati dai veterinari e in possesso di microchip, presenti nell’area archeologica. Insomma, ci sono tutte le condizioni per rendere la visita alla Pompei antica un’esperienza indimenticabile. Anche per Fido.

A passeggio tra storia e cultura Valutazione: 5.00 su 5 Basato su 1 voti.
Articolo pubblicato il
A passeggio tra storia e cultura
apri
Offerte di viaggio